Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La scuola raccolga l’entusiasmo dei giovani della Gmg

di Anna Paola Sabatini, direttore dell'Ufficio scolastico regionale del Molise
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Anna Paola Sabatini, direttore dell’Ufficio scolastico regionale del Molise

Bamboccioni, sfaticati, inaffidabili, concentrati e distratti su un mondo virtuale. L’esperienza appena conclusa della Gmg ci restituisce una storia diversa dei nostri ragazzi ed è proprio su questi giovani che anche la nostra scuola deve investire sempre più raccogliendone l’entusiasmo e la forza rivoluzionaria.

È l’immagine di Galantino che definisce gli italiani portatori di sorrisi contagiosi di umanità vera. E’ l’immagine del Pontefice che li chiama seminatori di speranza e sognatori perché fiduciosi in una nuova umanità che non accetta l’odio tra i popoli. Sono le eccellenze premiate dal ministro Stefania Giannini, sono i protagonisti del rapporto della Fondazione Toniolo che li descrive come chi malgrado la violenza del terrore dilagante crede ancora nell’accoglienza di rifugiati e immigrati perché il terrorismo non si vince con politiche di respingimento e con muri ma con integrazione e ponti. Chi rifiuta gli stereotipi rivendicando invece il proprio ruolo da protagonista rispetto al futuro.

Di questa Gmg appena conclusa a rimanerci impresse a lungo saranno le immagini colorate di unione e festa di migliaia di ragazzi nell’accogliere con gioia e entusiasmo le affettuose ma energiche esortazioni del Santo Padre a mettersi in gioco senza chiudere la vita in un cassetto e senza viverla da un divano, determinandosi con consapevolezza e impegno a lasciare nel mondo un’impronta giocando da ‘titolari’ e non da ‘riserve’. Dalla festa dei giovani cattolici nel mondo, un messaggio universale di pace, fiducia, fratellanza, e soprattutto di speranza che con la stessa intensità non poteva che partire proprio dal cuore e dalla testimonianza dei più giovani e che solo, senza distinzioni di religioni, razze e culture, può essere il vero antidoto alle grandi sofferenze che vive la nostra contemporaneità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»