Turchia, Farnesina a Erdogan: “In Italia vige lo Stato di diritto”

erdogan
Il presidente turco, intervistato da Rainews, aveva polemizzato con l'Italia per le indagini per riciclaggio su suo figlio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

farnesinaROMA – A proposito delle dichiarazioni del presidente della Turchia Recep Tayyp Erdogan, la Farnesina in una nota sottolinea come in Italia sia “in vigore lo stato di diritto e il pieno rispetto dell’autonomia della magistratura”.

Magistratura – si legge in una nota – che “insieme alle forze dell’ordine è impegnata con successo nel contrasto alla mafia e non ha certo bisogno per farlo dell’incoraggiamento da parte di alcuno”.

Quanto ai rapporti tra Europa e Turchia, la Farnesina ribadisce “la ferma condanna del tentativo di colpo di stato del 15 luglio e conferma la preoccupazione comune all’intera Europa per gli accadimenti in corso”.

L’INTERVISTA

Il riferimento è all’intervista realizzata da Rainews, in cui Erdogan attacca l’Italia a causa delle indagini su suo figlio per riciclaggio. “Perché non vi occupate della mafia?”, ha chiesto polemicamente il presidente turco. A proposito della pena di morte, ha poi affermato che la introdurrà se sarà il popolo a chiederlo, fornendo un lungo elenco di Paesi in cui è in vigore. Infine, la ‘minaccia’: se non saranno liberalizzati i visti per i turchi in Europa, non rispetterà l’accordo sui profughi. 

L’intervista è a questo link 

RENZI: GIUDICI ITALIANI RISPONDONO ALLA COSTITUZIONE, NON A ERDOGAN

“In Italia c’é una magistratura autonoma e indipendente che agisce secondo le leggi e e che combatte tutte le forme di illegalità. I giudici rispondono alla Costituzione italiana e non al Presidente turco. Chiamiamo questo sistema ‘Stato di diritto’ e ne siamo orgogliosi”, ha commentato il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»