Laura Boldrini incontra il garante dei detenuti alla Camera /VIDEO

Il tema centrale i migranti, Palma: "Promuovere una cultura diversa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carceri-detenuti

ROMA – “Abbiamo parlato con la presidente dell’importanza dell’istituzione di una funzione di garanzia che ora c’è anche in Italia per tutte le persone private della libertà, condividendo insieme sia l’ampiezza del mandato sia il segnale positivo che il Paese si sia dotato di un’organizzazione di questo genere. Oltre ad essere un’organizzazione di controllo, infatti, l’Autorità Garante dei detenuti deve anche promuovere una diversa cultura rispetto alla privazione della libertà“.

Lo ha detto il presidente dell’Autorità Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, Mauro Palma, al termine dell’incontro a Montecitorio con la presidente della Camera, Laura Boldrini.


Rispetto al Rapporto di Antigone sulla situazione delle carceri italiane, recentemente presentato alla Camera, Palma ha poi commentato: “Il Rapporto di Antigone riguarda in particolare la situazione del carcere e della detenzione relativamente a dati che anche il ministero della Giustizia aveva reso fruibili. Con la presidente Boldrini abbiamo parlato di quello perché il carcere è sempre un tema di riferimento, ma abbiamo parlato anche delle altre aree perché noi ci occupiamo della privazione della libertà nel suo complesso: ci sono le stanze della polizia, le stanze dei carabinieri, i trattamenti sanitari obbligatori e soprattutto la situazione di tutti i migranti- ha concluso- privati della libertà o rinviati nei propri Paesi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»