Strage di Bologna, il vescovo Zuppi: “Chi sa parli o non avrà mai pace”

"Siate uomini veri e non assassini", perché "col vostro silenzio e la vostra complicità continuate a uccidere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

zuppi_2_agostoBOLOGNA – Dopo 36 anni, chi conosce la verità e i mandanti della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna deve parlare.

“Liberatevi dal peso e dalla vergogna che è la mancanza di giustizia”. L’appello, perentorio, viene dall’arcivescovo Matteo Maria Zuppi, alla sua prima messa in suffragio per le vittime del 2 agosto.

L’APPELLO DI ZUPPI

“Forse sarò ingenuo, ma voglio fare un appello- dice Zuppi durante l’omelia- forse alcuni complici non ci sono più, ma certamente ci sono quelli che sanno. Liberatevi dal peso- intima il vescovo, rivolgendosi a loro direttamente- e dalla vergogna che è la mancanza di giustizia. Trovate il modo, anche indiretto, e parlate: lo dovete a quelle vittime“.

A distanza di anni, continua Zuppi, “siete diversi, ma quel grido di dolore sarà la vostra condanna, se non scegliete la via di liberarvi e liberare dal male. Non rifugiatevi nella vigliaccheria del silenzio, che non vi darà mai pace. Lo dovete a Dio, che è dalla parte di Abele, e a quelle persone che avete ucciso con la vostra complicità”. In altre parole, insiste l’arcivescovo, “siate uomini veri e non assassini”, perché “col vostro silenzio e la vostra complicità continuate a uccidere”. E aggiunge: “Non restituirete la vita, ma scioglierete un po’ di quei legami col male e sentirete la misericordia”. Del resto, sostiene Zuppi in un altro passaggio dell’omelia, “la memoria senza misericordia diventa una prigione, ma la misericordia desidera la giustizia”.

LEGGI ANCHE

Bologna ricorda il 2 agosto: “Ora i nomi dei mandanti”

La lezione dell’Arcivescovo di Bologna ai bambini: “Non ascoltate chi teme gli stranieri”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»