Cinghiali in piazza Duomo a Firenze, è sos anti-ungulati

La Toscana è stata scelta per la manifestazione nazionale perché è la regione che subisce i danni più gravi da animali selvatici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CinghialiFIRENZE –  Per la prima volta una coppia di cinghiali è arrivata in piazza Duomo a Firenze affollata da turisti increduli e migliaia di agricoltori della Coldiretti che, insieme al presidente nazionale Roberto Moncalvo, manifestano per denunciare l’invasione degli animali selvatici, gli ungulati, che distruggono i raccolti agricoli, sterminano greggi e animali allevati, causano incidenti stradali nelle campagne ma anche all’interno delle città con pericoli concreti per gli agricoltori ed i cittadini.

“Noi seminiamo i cinghiali distruggono” e #riprendiamociilterritorio si legge negli striscioni e nei cartelli. È stata allestita una esposizione con la top ten delle specialità alimentari distrutte e centinaia di trattori sono schierati sul Lungarno Aldo Moro. Sotto accusa una situazione insostenibile che sta provocando l’abbandono delle aree interne, con problemi sociali, economici ed ambientali con inevitabili riflessi sul paesaggio e sui prodotti tipici che rappresentano uno degli elementi principali di attrattività della vacanza made in Italy. La Toscana è stata scelta per la manifestazione nazionale perché è la regione che subisce i danni più gravi da animali selvatici.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»