NEWS:

Polemiche sulle parole di Bertolaso: “Si rischia la scomparsa della razza italica”. Poi le scuse

"Sono basito da questo attacco così violento nei confronti di un funzionario servitore del Paese che sta cercando solo di risolvere i problemi", ha detto l'assessore regionale al Welfare della Lombardia

Pubblicato:02-07-2024 17:18
Ultimo aggiornamento:03-07-2024 09:11

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Pioggia di critiche per Guido Bertolaso, assessore regionale al Welfare della Lombardia. Durante il workshop istituzionale “Alimentazione del bambino e dimensione sociale: la politica del fare”, il 74enne ha dichiarato: “L’inverno demografico è drammatico e non ci aiuta, anzi rischia di far scomparire la razza italica. È quello che ci dicono i nostri esperti. E la denatalità è il primo problema che si deve affrontare in Italia”.

“LANCETTE INDIETRO NEL TEMPO”

Questa destra riporta le lancette indietro nel tempo. Ricordate quando Attilio Fontana parlò di sopravvivenza della razza bianca?”, ha commentato il capogruppo del Pd Lombardia Pierfrancesco Majorino. “È vergognoso– ha aggiunto- che l’assessore Bertolaso usi con leggerezza un’espressione contenuta nel ‘manifesto della razza’. Che cosa dobbiamo aspettarci ancora? È in corso un enorme tentativo di riscrivere la storia di questo Paese e succedono anche episodi come questi, che noi non vogliamo lasciar passare sotto silenzio. Le parole pesano come pietre e alla destra suggeriamo di ascoltare i richiami di questi giorni della Senatrice Liliana Segre. Esiste una sola razza, la razza umana”.

LEGGI ANCHE: Liliana Segre dopo l’inchiesta di Fanpage: “Sarò cacciata ancora dall’Italia?”


LE SCUSE DI BERTOLASO

“Sono basito da questo attacco così violento nei confronti di un funzionario servitore del Paese che sta cercando solo di risolvere i problemi”, ha detto l’assessore dopo le polemiche. “Il problema dell’inverno demografico- ha aggiunto- è ormai riconosciuto urbi et orbi. Ho fatto una battuta sul rischio che l’inverno demografico ci faccia scomparire come italiani ma ne prendo atto e chiedo scusa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy