Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Valentina Vezzali firma il decreto per l’accesso all’Olimpico per Ucraina-Inghilterra

olimpico_gen1
La sottosegretaria allo Sport ritiene che "sarebbe un errore abbassare la guardia e pensare che l'emergenza sanitaria mondiale sia conclusa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, ha firmato un decreto per l’accesso allo stadio Olimpico di Roma in occasione di Ucraina-Inghilterra di domani alle 21, match valido per i quarti di finale di Euro 2020.

“Il Decreto che ho firmato questo venerdì- ha spiegato Vezzali- conclude un iter che ha visto la sintonia e la collaborazione tra il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio, il Ministero della Salute, il Ministero degli Interni ed il Ministero degli Affari Esteri. Mi preme sottolineare lo spirito di grande dedizione e l’impegno profuso dagli uffici per giungere ad un atto che tutela l’evento sportivo, il pubblico che sarà presente allo Stadio Olimpico e soprattutto la salute collettiva in un momento in cui sarebbe un errore abbassare la guardia e pensare che l’emergenza sanitaria mondiale sia conclusa. Ringrazio i Ministri Luciana Lamorgese, Roberto Speranza e Luigi Di Maio per il grande spirito di ‘squadra’ emerso in questa occasione”.

LEGGI ANCHE: Euro 2020, la cronista ucraina: “Partita con l’Inghilterra? A Roma giochiamo in casa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»