Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Elixir”, viaggio in note dell’orchestra di rifugiati

One Blood Family
Ecco il primo album della One Blood Family, progetto musicale nato nella casa di accoglienza di Collegno, in provincia di Torino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un viaggio emozionante tra le atmosfere, i colori, e i suoni di un’Africa amata, vissuta e poi abbandonata, che parla della ricerca di un futuro migliore e racconta una storia contemporanea d’integrazione”. È il cuore di ‘Elixir‘, il primo disco della One Blood Family, la “talentuosa orchestra – unica in Italia – formata da sette musicisti torinesi e sette giovani richiedenti asilo“, prodotto dall’etichetta Black Seed Records/Egea Music e uscito in settimana.

One Blood Family

A costituire l’ensemble, si legge in una nota, “Seedy, Adama, Goodness, Ebraima, Sana, Keba, Gilbert. Musicisti non professionisti, con il ritmo nelle vene e tanta voglia di combattere, che i due producer torinesi, Gabriele Concas e Matteo Marini, insieme a Manuel Volpe e Simone Pozzi”.

L’orchestra, si riferisce ancora nel comunicato, ha dato vita a “una polifonia che mescola R&B, beat elettronici, afrobeat, world music e dancehall in un percorso di condivisione dei diversi linguaggi artistici“.

Il progetto è nato nei laboratori musicali della casa di accoglienza gestito dalla Cooperativa Sociale Atypica, a Collegno, in provincia di Torino.

Il risultato finale sono “otto brani inediti, accompagnati dal primo video del singolo Maria, che sono un inno alla vita, e alla bellezza della diversità nel segno dell’integrazione sociale. Canzoni che parlano di amicizia, di amore ma anche testi di denuncia contro ogni discriminazione“.

One Blood Family album Elixir

Elixir’ è stato scritto e prodotto da Volpe, Pozzi, Concas e Marini con il sostegno del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo e di Siae, nell’ambito dell’iniziativa ‘Per Chi Crea’. È stato registrato e mixato da Manuel Volpe presso lo studio Rubedo Recordings a Torino. Il mastering è stato effettuato da Simone Squillario (Africa Unite, Salmo, Linea 77). Qui il link per ascoltare l’album online.

Secondo l’attivista Aboubakar Soumahoro, “One Blood Family è un progetto di fratellanza che trova affermazione attraverso lo strumento della cultura e della musica” e ancora “la trasformazione della nostra utopia immaginaria in qualcosa di concreto” e “l’affermazione di quel principio base per cui tutti apparteniamo alla medesima comunità umana“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»