Myanmar, onda di fango in una miniera di giada: oltre 110 le vittime

I minatori sono stati travolti da un'onda di fango, originatasi a seguito delle pesanti piogge dei giorni precedenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarebbero oltre 110 i lavoratori rimasti uccisi a causa di una frana avvenuta in una miniera di giada, nel nord del Myanmar. Secondo quanto riferito alla stampa locale dal personale che si sta occupando dei soccorsi, fino ad adesso sarebbero stati recuperati 113 corpi, ma ci si aspetta che le vittime siano di piu’

L’incidente e’ avvenuto nello Stato di Kachin, circa 950 chilometri a nord di Yangon, la citta’ piu’ popolosa del Paese. Nella zona si concentrano i principali siti di estrazione della giada, di cui il Myanmar e’ uno dei primi Paesi produttori al mondo.

Il corpo dei vigili del fuoco locali ha descritto sulla sua pagina Facebook quanto avvenuto, dicendo che “i minatori sono stati travolti da un’onda di fango, originatasi a seguito delle pesanti piogge” dei giorni precedenti. Secondo fonti della polizia, i lavoratori si sarebbero recati nel sito nonostante fosse stato diffuso un allerta e un invito a evitare la miniera resasi pericolosa a causa del maltempo. Il quotidiano locale in lingua inglese Myanmar Times ha evidenziato come incidenti simili si verificano spesso nelle miniere della zona, coinvolgendo il piu’ delle volte lavoratori stagionali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»