Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bambina di 6 anni muore annegata nel Reno, era in gita

È successo a Molino del Pallone, al confine tra Emilia-Romagna e Toscana. La bambina era in gita con la parrocchia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una bambina di sei anni è morta annegata nel fiume Reno in località Molino del Pallone, Comune di Alto Reno Terme, al confine fra Emilia-Romagna e Toscana. Inutili, purtroppo, i soccorsi del 118. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri.

La bambina era in gita nel parco fluviale assieme a un’altro centinaio di bambini e una trentina di operatori: è morta poco prima delle 13. Nata in Italia da una famiglia di origine nigeriana, la bambina viveva a Pistoia e si trovava lì con un campo estivo organizzato da una parrocchia di Pistoia, e ha perso i sensi mentre giocava nel Reno, in un punto in cui la profondità dell’acqua varia dai 30 ai 50 centimetri, per cause ancora da accertare.

Purtroppo, nonostante sia stata immediatamente soccorsa da uno degli operatori e poi dai sanitari del 118, la piccola è morta durante il trasporto in ospedale. In questo momento sono in corso i rilievi e gli accertamenti da parte dei Carabinieri di Vergato, in modo da ricostruire con precisione quanto accaduto, mentre la causa esatta del decesso si potrà conoscere solo con l’autopsia.

(L’immagine è tratta dal sito della Pro Loco di Molino del Pallone)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»