Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Prima le italiane”: le campionesse della staffetta 4×400 scatenano i social

"Prima le italiane": le campionesse della staffetta 4x4 scatenano i social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Italia trionfa ai ‘Giochi del Mediterraneo’ ma la scena è tutta per loro: Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo e la campionessa europea Libania Grenot hanno conquistato l’oro nella staffetta 4×4 e fatto impazzire i social network.

Migliaia i tweet che hanno celebrato l’impresa delle azzurre nel momento in cui il ministro dell’Interno Matteo Salvini riuniva la Lega a Pontida sotto lo slogan ‘Prima gli italiani’. E’ contro di lui e le sue politiche sull’immigrazione che la rete si scatena: “Realtà 1 – Salvini 0”.

Tra i tanti tweet, anche quello di Roberto Saviano che ringrazia le quattro ragazze a aggiunge: “I loro sorrisi sono la risposta all’Italia razzista di Pontida. L’Italia multiculturale nata dal sogno repubblicano non verrà fermata”

“La notizia più bella di ieri arriva dai Giochi del Mediterraneo, non da Pontida. Vince l’Italia che non ha paura: #PrimeLeItaliane”, è poi il commento di Matteo Renzi sui suoi profili social.

SALVINI: BRAVISSIME RAGAZZE, VORREI INCONTRARLE

“Bravissime, mi piacerebbe incontrarle e abbracciarle”. Lo scrive su Facebook Matteo Salvini, allegando la foto delle quattro ragazze italiane che a Tarragona hanno vinto l’oro nella 4×400 dei Giochi del Mediterraneo.

“Come tutti hanno capito (tranne qualche ‘benpensante’ e rosicone di sinistra)- scrive il ministro dell’Interno- il problema è la presenza di centinaia di migliaia di immigrati clandestini che non scappano da nessuna guerra e la guerra ce la portano in casa, non certo ragazze e ragazzi che, a prescindere dal colore della pelle, contribuiscono a far crescere il nostro Paese. Applausi ragazze!!!”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»