Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Orlando: “Alleanza con Berlusconi? Se fosse si faccia referendum tra gli elettori”

Il Pd? "Da solo temo che non lo faccia più" il 40%", dice il ministro della Giustizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dovremmo chiedere ai nostri elettori cosa ne pensano di un’alleanza di cinque anni con Berlusconi senza la prospettiva delle riforme. A me sembra una prospettiva inquietante. Dovremmo attivare il meccanismo del referendum che è previsto dallo statuto ma non è mai stato utilizzato”. Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a ‘L’intervista’ di Maria Latella, su SkyTg24. “Comunque anche Renzi ha detto che un’alleanza con Berlusconi non è una prospettiva”, aggiunge Orlando.

“DA SOLI NON FACCIAMO PIÙ IL 40%”

“Il Pd da solo temo non lo faccia più” il 40%”, dice ancora Orlando. “C’è un elettorato di sinistra che non è andato a votare a queste elezioni amministrative e noi dobbiamo chiederci perché”, aggiunge.

“RENZI E PISAPIA? CI SONO CONDIZIONI PER RICOMPORRE”

“Non vedo una contrapposizione tra le parole di Renzi e Pisapia, se stiamo ai contenuti. Se si riesce ad andare oltre alle contrapposizioni personali credo ci siano le condizioni per ricomporre il centrosinistra attorno ai problemi reali delle persone”, afferma Orlando.

LEGGI ANCHEBersani e Pisapia lanciano la nuova casa del centrosinistra FOTO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»