Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riaprono i colli valdostani, ma solo fino al confine

COLLI_VALDOSTANI
Grande e piccolo San Bernardo ancora innevati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – In Valle d’Aosta domani, 3 giugno, alle 10 riaprirà la statale 26 fino al colle del Piccolo San Bernardo, al confine con la Francia. Venerdì 4 giugno alla stessa ora toccherà alla statale 27 del colle del Gran San Bernardo, fino al confine con la Svizzera. L’Anas sta completando in queste ore lo sgombero della neve e il montaggio dei guardrail, rimossi prima della chiusura invernale. Il collegamento internazionale dei due colli è rinviato almeno alla prossima settimana. A La Thuile si attende che arrivi “il via libera alle operazioni di riapertura del valico” da parte del gestore francese. Il colle che collega Saint-Rhémy-en-Bosses al vallese svizzero sarà chiuso “fino al completamento delle operazioni di ripristino della viabilità da parte del gestore svizzero sul versante di competenza” a causa della quantità di neve ritenuta troppo grande. “Negozi e punti di ristoro lungo le statali 26 e 27 saranno regolarmente raggiungibili dal versante italiano” spiega l’Anas. Che aggiunge: “Al fine di evitare assembramenti non sono previste cerimonie di riapertura”. Le attività di sgombero dalla neve sono state avviate ad aprile e sono state condotte dal personale specializzato con turbine fresaneve e lame con dispositivo spargisale. Nei punti di maggior accumulo si sono registrati muri di neve alti fino a 6 metri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»