Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Artista ironico e anticonformista, 40 anni fa moriva Rino Gaetano

Talmente all'avanguardia, da cantare la propria morte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Anticonformista. Voce unica, artista ironico e graffiante. Talmente avanti da cantare in una canzone, La Ballata di Renzo, la sua morte. Sono passati 40 anni esatti da quella notte, dall’incidente in cui Rino Gaetano perdeva la vita. Era il 2 giugno del 1981. A bordo della sua Volvo di ritorno da una serata passata nei locali, diretto verso casa, erano le 3.55, mentre percorreva via Nomentana, all’altezza dell’incrocio con via Carlo Fea, finiva, chissà per quale ragione, sulla corsia opposta a quella che stava percorrendo. Un camionista che sopraggiungeva nell’altro senso di marcia provò a richiamare la sua attenzione suonando il clacson. Ma non ci fu niente da fare: l’urto fu inevitabile, la parte anteriore e il lato destro della Volvo vennero distrutti, Gaetano batté violentemente la testa contro il parabrezza, sfondandolo, mentre l’impatto del petto sul volante e il cruscotto fu molto violento. Si parlò di possibile collasso da parte di Gaetano, mentre l’autista del camion, che prestò i primi soccorsi, disse di aver visto Gaetano accasciarsi di lato e iniziare a sbandare per poi riaprire gli occhi solo pochi attimi prima dell’impatto. Quanto avvenne dopo, fu per tanti motivi inquietante. L’artista era già in coma all’arrivo dei soccorsi. Trasportato immediatamente al Policlinico Umberto I, qui furono riscontrate una frattura alla base cranica, varie ferite a livello della fronte, una frattura malare destra e una sospetta frattura allo sterno. Ma la struttura non aveva un reparto attrezzato per gli interventi d’urgenza sui craniolesi, così il medico di turno provò a contattare un altro ospedale dotato di un reparto di traumatologia cranica. Si tentò telefonicamente con il San Giovanni, il San Camillo, il CTO della Garbatella, il Policlinico Gemelli e il San Filippo Neri, ma non si riuscì a trovare un posto disponibile. Finalmente ricoverato al Gemelli, Gaetano morirà comunque alle sei del mattino.

Nella canzone La ballata di Renzo, inedita, Gaetano cantava la storia di un ragazzo di nome Renzo che muore in circostanze praticamente identiche a quelle del cantautore: “La strada era buia, s’andò al S. Camillo e lì non l’accettarono forse per l’orario, si pregò tutti i santi ma s’andò al S. Giovanni e lì non lo vollero per lo sciopero”. In questa canzone vengono citati tre degli ospedali che non avrebbero accettato Gaetano: il Policlinico, il San Giovanni e il San Camillo.

RINO GAETANO, LA VITA

Nato a Crotone il 29 ottobre del 1950, a 10 anni si trasferisce con tutta la famiglia a Roma, per motivi di lavoro dei genitori, dopo un breve periodo di studio in Umbria torna a vivere a Roma stabilendosi a Montesacro. Inizia quindi ad avvicinarsi all’arte, allo spettacolo, al teatro. Soprattutto, inizia a frequentare il Folkstudio, dove conosce Antonello Venditti, Ernesto Bassignano e Francesco De Gregori. Ha 24 anni, è il 1974, quando Gaetano pubblica il suo primo album, ‘Ingresso libero’, un disco che però non ha grande successo. Che arriva l’anno successivo con la pubblicazione del 45 giri ‘Ma il cielo è sempre più blu’. Ma è nel 1978 che arriva la svolta: parte dal Festival di Sanremo con la canzone ‘Gianna’, canzone con la quale, tra l’altro, Rino non voleva nemmeno presentarsi, in quanto avrebbe preferito ‘Nuntereggaepiù’. Con ‘Gianna’ si piazza terzo, alle spalle di Anna Oxa e Matia Bazar. Ma la sua canzone fu amata dal pubblico, tanto che rimase per diverse settimane al primo posto in classifica. Alla fine saranno sei gli album in studio pubblicati da Rino Gaetano, oltre ad una serie di singoli di successo e di raccolte postume. Che ancora oggi conquistano generazioni di giovani artisti, segno che la sua musica è eterna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»