I migranti salvati a Genova, Salvini: “Li manterrà la Chiesa, non gli italiani”

A Genova sono sbarcati i migranti salvati al largo della Libia. Salvini avverte: "Le spese per chi resta le pagheranno i vescovi e il Vaticano"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “C’è un’altra nave che ha raccolto immigrati davanti alla Libia nei giorni scorsi. Abbiamo lavorato giorno e notte. Oggi sono arrivati a Genova però, come promesso, nessuno di questi immigrati rimarrà qua a carico degli italiani. Un po’ andranno all’estero e quelli che non vanno all’estero li mantengono i vescovi e il Vaticano e io li ringrazio perchè un conto è andare di notte in un palazzo occupato a Roma e riattaccare la luce dicendo ‘tanto prima o poi qualcuno passa a pagare’, un conto è passare dalle parole ai fatti e quindi se qualcuno verrà mantenuto a spese di altri e non degli italiani sono contento perchè è una cosa storica”. Lo dice Matteo Salvini durante un comizio a Tivoli (Roma), a sostegno del candidato sindaco della Lega.

LEGGI ANCHE: Genova, i camalli salutano i migranti con maxi striscione: “Benvenuti”

Finalmente adesso– aggiunge il ministro dell’Interno- non saremo i soli a pagare e mantenere anche perchè con 5 milioni di italiani disoccupati e poveri i pochi soldi che abbiamo li usiamo per la nostra gente e non per il resto del mondo e questo cercheremo di fare anche in Europa”.

“PULLMAN DA GENOVA CON 50 UOMINI VERSO STRUTTURA CEI”

Il primo pullman con 50 immigrati a bordo (tutti uomini) è in partenza da Genova ed è diretto in una struttura della Cei. Al momento, nel capoluogo ligure restano undici minori non accompagnati più una donna ustionata, ricoverata in ospedale, e il suo bambino.

Per tutti gli altri immigrati sono ancora in corso accertamenti. E’ quanto si apprende da fonti del Viminale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»