NEWS:

2 giugno, Boldrini: La Repubblica è nelle mani dei ragazzi/VIDEO

ROMA - "La democrazia non è una cosa scontata,

Pubblicato:02-06-2016 14:05
Ultimo aggiornamento:16-12-2020 22:48

FacebookLinkedIn

boldrini_2giu__

ROMA – “La democrazia non è una cosa scontata, anche se per noi in Italia è naturale come l’aria che respiriamo. E invece non è così. E’ una conquista preziosa e come tale va trattata con cura, non è piovuta dal cielo”. A dirlo è la presidente della Camera Laura Boldrini, nel suo intervento nel corso della premiazione degli studenti per il progetto “Lezioni di Costituzione” oggi a Montecitorio. “Ce l’hanno consegnata i nostri nonni, e i vostri bisnonni, che scelsero di combattere il fascismo, persino di morire, e scelsero la repubblica, la forma più idonea a garantire l’uguaglianza tra le persone”, aggiunge la presidente della Camera.

Mi piace coinvolgere, in una giornata così, i ragazzi– prosegue Boldrini-. Perchè la Repubblica è nelle loro mani. Se loro parteciperanno, la nostra Repubblica si rafforzerà. Se loro prenderanno le distanze, se non andranno a votare e saranno scettici, la nostra repubblica ne risentirà”: la presidente della Camera ha scelto di accogliere così i tanti cittadini accorsi a Montecitorio per ascoltare il concerto della fanfara della Polizia. Boldrini, in piazza, saluta le persone e si sofferma sulla giornata di celebrazioni, che vedrà la Camera premiare i ragazzi delle scuole che hanno partecipato al concorso “lezioni di costituzione”.

E’ importante far capire ai ragazzi– dice Boldrini- che la loro vita è nelle loro mani. Va bene criticare, va bene indignarsi, è giusto e sano. Ma poi bisogna trasformare questo in qualcosa di costruttivo. E se ai ragazzi non piace questa politica, e talvolta non piace nemmeno a me, allora la devono cambiare. Non devono rassegnarsi all’idea di non avere uno spazio, di non avere un futuro”, dice la presidente della Camera.

di Alfonso Raimo, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn