hamburger menu

Lavrov su Rete 4, è bufera. Letta: “Propaganda di guerra onta per l’Italia”. Lega: “No a censure”

"Zelensky? Anche Hitler aveva origini ebraiche, non significa assolutamente nulla"

sergej_Lavrov

ROMA – È bufera dopo le parole del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ieri sera a ‘Zona Bianca’ su Rete 4. Intervistato a Giuseppe Brindisi Lavrov ha ribadito che quella intrapresa dalla Russia in Ucraina è una campagna di denazificazione.La nazificazione esiste. I militari del battaglione Azov hanno simboli nazisti sul loro corpo. Quando dicono ‘Che nazificazione può esserci se siamo ebrei?’ Anche Hitler aveva origini ebraiche, non significa assolutamente nulla“, ha dichiarato il ministro russo, facendo un parallelo con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il nostro scopo non è cambiare il regime in Ucraina, questa è una specialità americana. Di solito loro si occupano di questo in tutto il mondo, mentre noi vogliamo solo garantire la sicurezza delle persone dell’est dell’Ucraina perché non siano minacciate dalla militarizzazione e dalla nazificazione di questo paese”, ha aggiunto.

LAVROV: “BUCHA È UN FAKE”

Lavrov ha quindi parlato dei morti di Bucha: “È talmente evidente che sia un fake che qualsiasi osservatore lo può capire da un primo sguardo.

LEGGI ANCHE: Laurito (Velina Rossa): “Intervista a Lavrov da non pubblicare. C’è un asse Mosca-Arcore?”

LAVROV: “NON INIZIERA’ UNA TERZA GUERRA MONDIALE”

Lavrov ha rassicurato sulla eventualità che si arrivi a un terzo conflitto mondiale: “I mass media occidentali travisano ciò che viene detto dalle istituzioni russe. Una guerra nucleare non avrebbe vincitori quindi non potrà mai iniziare”.

LAVROV: “PENSAVAMO CHE L’ITALIA SAPESSE DISTINGUERE TRA BIANCO E NERO”

Riguardo alla presa di posizione dell’Italia, il ministro russo ha detto: “È in prima fila tra coloro che non solo adottano sanzioni contro la Russia, ma anzi le promuovono. È stata una sorpresa all’inizio, poi ci siamo abituati. Pensavamo che l’Italia sapesse distinguere il bianco dal nero. Che avesse un approccio un po’ diverso rispetto alla giustizia nel mondo. Alcuni politici, per non parlare dei giornalisti, sono andati oltre con le loro dichiarazioni”.

LE REAZIONI ALL’INTERVISTA DI LAVROV

LAPID (ISRAELE): “IMPERDONABILI PAROLE LAVROV, CONVOCATO L’AMBASCIATORE

“A seguito delle gravi osservazioni del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il ministero degli Affari esteri ha convocato l’ambasciatore russo in Israele per un incontro di chiarimento con il vicedirettore generale per gli Affari eurasiatici“. Così una nota del ministero degli Affari esteri dello Stato di Israele, dopo quanto detto da Lavrov su Rete4.
“Le osservazioni del ministro degli Esteri Lavrov sono sia una dichiarazione imperdonabile e oltraggiosa, sia un terribile errore storico- dice il ministro degli Esteri Yair Lapid- Gli ebrei non si sono uccisi durante l’Olocausto. Il livello più basso di razzismo contro gli ebrei è accusare gli stessi ebrei di antisemitismo”.

BENNETT (ISRAELE): “VERSO MENZOGNE LAVROV MASSIMA SEVERITA'”

“Considero con la massima severità la dichiarazione del ministro degli Esteri russo. Le sue parole non sono vere e le loro intenzioni sono sbagliate. L’obiettivo di tali menzogne è accusare gli stessi ebrei dei crimini più terribili della storia, che sono stati perpetrati contro di loro, e quindi assolvere i nemici di Israele dalle responsabilità”. Così in una nota il primo ministro israeliano Naftali Bennett, dopo quanto detto dal ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov su Rete4.
“Come ho già detto, nessuna guerra nel nostro tempo è come l’Olocausto o è paragonabile all’Olocausto”, prosegue Bennett, “l’uso dell’Olocausto del popolo ebraico come strumento politico deve cessare immediatamente”.

URSO (COPASIR): “FAKE NEWS LAVROV, SENTIREMO VERTICI AGCOM E RAI”

“Abbiamo già previsto una specifica istruttoria anche con le audizioni dei vertici di Agcom e Rai. L’intervento di Lavrov, per le modalità in cui è avvenuto e per la montagna di fake news che ha propinato, conferma le nostre preoccupazioni”. Adolfo Urso, senatore FdI e presidente del Copasir, lo scrive su Twitter, a proposito di quanto detto dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov su Rete 4.
“Peraltro lo avevamo evidenziato nelle nostre relazioni al Parlamento sulla modalità con cui la Russia agisce per condizionare le democrazie occidentali, di cui la disinformazione è uno dei principali strumenti, come la guerra cibernetica e lo spionaggio”, aggiunge Urso.

LETTA: “SPOT PROPAGANDA DI GUERRA LAVROV IN TV È UN’ONTA PER L’ITALIA”

“’Buon lavoro, Ministro Lavrov’. L’abisso. Ma quel che è più grave è che la vicenda dello spot da propaganda di guerra anti-Ucraina stia passando, con solo pochi scossoni. Siamo così pochi a pensare che non sia possibile, né accettabile? E che sia un’onta per l’Italia intera? Retequattro”. Enrico Letta, segretario Pd, lo scrive su Twitter stigmatizzando quanto detto dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov su Rete4.

LA COMUNITA’ EBRAICA ROMA: “AFFERMAZIONI LAVROV PERICOLOSE

“Le affermazioni del ministro degli Esteri russo Lavrov sono deliranti e pericolose. Riscrivono la storia sul modello dei Protocolli dei Savi di Sion, il fondamento della letteratura antisemita moderna creato nella Russia zarista. La cosa più grave è inoltre che siano avvenute in una televisione italiana, senza contraddittorio, e senza che neanche l’intervistatore opponesse la verità storica alle menzogne che erano state pronunciate. Questo non è accettabile e non può passare sotto silenzio. Ci domandiamo quale sia il limite, se esista ancora e in quale direzione stiamo andando. Se viene permesso di distorcere completamente la Storia il risultato sarà quello di una democrazia indebolita e priva degli anticorpi necessari a tutelare se stessa”. Lo dichiara Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma.

GASPARRI: “CONTESTARE LE PAROLE DI LAVROV MA NO ATTACCHI A STAMPA”

“Mentre in tante televisioni, compresa la Rai, imperversano presunti esperti della tragedia ucraina, alcuni dei quali anche accusati, non da me, di poter essere al soldo di Tizio o di Caio, ci si indigna per l’intervista a Lavrov su Rete 4. Non si capisce se ad alcuni dia più fastidio Lavrov, le cui affermazioni sono ovviamente da contestare, come le ha contestate l’intervistatore, o l’emittente che le ha ospitate. In tutta questa confusione di finti esperti, l’intervista a Lavrov rappresenta comunque dal punto di vista giornalistico un’occasione per incalzare con domande, che sono state puntualmente fatte, chi sta dalla parte sbagliata. Ma per alcuni evidentemente c’è chi è al di sopra di ogni sospetto e può, anche a pagamento, assoldare tizio o caio, mentre altri non dovrebbero fare informazione. Lavrov rappresenta in questo momento quello che è tornato ad essere l’impero del male, ma è pur sempre il Ministro degli Esteri, e non da oggi, della Federazione Russa. È ovvio che le sue affermazioni si possono e devono contestare, soprattutto quelle antisemite. Ma non mi pare che da questo si possa passare ad un attacco ad una parte dell’informazione italiana che fin qui ha tenuto un atteggiamento molto più equilibrato di altri, che sono oggi sotto accusa per aver ospitato personaggi improbabili anche a pagamento. Talmente improbabili che università nelle quali parlavano a vuoto gli hanno tolto gli incarichi che gli avevano affidato”. Lo dice il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

MELONI: “NO RESPONSABILITÀ MEDIASET PER BESTIALITÀ DI LAVROV”

“Dopo le bestialità affermate ieri sera su Rete4 dal ministro russo Lavrov, che ha ripetuto le vergognose tesi della propaganda russa, gli italiani hanno ben compreso quanto siano insensate le giustificazioni del governo russo sull’invasione in Ucraina. Non può essere data a Mediaset la responsabilità di tali affermazioni: se oggi gli italiani comprendono meglio le ragioni per le quali è necessario difendere l’Ucraina è anche grazie alla libertà di stampa e di parola, che in Italia sono diritti costituzionali garantiti”. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

LEGA: “GIUSTO CRITICARE MINISTRO STRANIERO LAVROV, MA NO CENSURE”

“Un conto è criticare, duramente e giustamente, le dichiarazioni di un ministro straniero come Lavrov. Altro conto è invece attaccare una grande e libera televisione nazionale, e con lei migliaia di giornalisti e professionisti. La censura non ci piace e va combattuta all’estero, men che meno è auspicabile e augurabile in Italia”. Così fonti della Lega dopo gli attacchi del Pd a Mediaset.

RADICALI ITALIANI: “LAVROV DOVREBBE ESSERE INCRIMINATO CON PUTIN

“La vergogna di una certa TV italiana ha raggiunto il proprio apice”, così in una nota Massimiliano Iervolino, Giulia Crivellini e Igor Boni, segretario, tesoriera e presidente di Radicali Italiani.
“La messa in onda su Rete 4 ha dato modo, senza contraddittorio, al ministro degli Esteri russo Lavrov di trasmettere a milioni di italiani le solite fake news, la solita becera propaganda condita, addirittura, con incredibili affermazioni antisemite. Dato che di tutta evidenza Lavrov è un fondamentale anello della catena di comando del Cremlino, con al vertice Vladimir Putin, più che intervistarlo serve incriminarlo, serve un mandato di cattura internazionale per portare questi massacratori di civili di fronte alla giustizia internazionale per i crimini di guerra commessi e per i crimini contro l’umanità. L’invito che facciamo ai media è di dare spazio all’iniziativa che abbiamo lanciato per sostenere l’intervento in Ucraina della giustizia internazionale con la campagna ‘Putin all’Aja’ che potremmo da oggi intitolare ‘Putin e Lavrov all’Aja’: Putin all’Aja – Radicali Italiani. Questa deriva della nostra informazione sta divenendo sempre più complice dell’aggressione russa e continua a tentare di mettere sullo stesso piano aggressori e aggrediti; nel caso di Lavrov, addirittura si forniscono maggiori elementi e spazio a chi si sta macchiando di efferati crimini. Quello che continua a mancare è la voce di chi da 23 anni ha visto, detto, scritto cosa stava accadendo e sarebbe accaduto. La voce dei Radicali”, concludono.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-02T21:43:16+02:00