VIDEO | “Vicino al clan Mistretta”: confiscati 4,5 milioni di euro a un imprenditore di Messina

L'uomo opera nel settore del movimento terra e del calcestruzzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Confisca patrimoniale, da 4,5 milioni di euro, ai danni di all’imprenditore di Sant’Agata di Militello Antonio Smiriglia, da parte della Direzione investigativa antimafia di Messina. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Confiscate complessivamente sette aziende operanti nel settore movimento terra e della produzione del calcestruzzo, diversi fabbricati e terreni nei comuni di San Marco D’Alunzio e Sant’Agata di Militello, veicoli, moto e rapporti finanziari. La misura scaturisce dalle indagini della Dia messinese, con una proposta di applicazione di una misura personale e patrimoniale a firma del direttore della Direzione investigativa antimafia, “in piena sinergia – spiegano gli investigatori – con la Dda di Messina, guidata da Maurizio De Lucia”.

Indagini che hanno portato alla luce “l’evidente incapienza dei redditi dichiarati dell’intero nucleo familiare di Smeriglia, in relazione a tutto il patrimonio accumulato nel tempo”. L’imprenditore, coinvolto in diverse inchieste, non è mai stato condannato per mafia “ciò nonostante – sottolinea la Dia – dagli atti d’indagine emerge come la sua figura di imprenditore risulti ‘legata’ alla criminalità organizzata dell’area dei Nebrodi e del Barcellonese”. I legami, secondo gli investigatori, sarebbero con la famiglia mafiosa di Mistretta, nella fascia costiera tirrenica della provincia di Messina. A Smiriglia è stata imposta anche la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per tre anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»