Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Capo Verde, trovato morto giovane cooperante italiano

Si indaga sulla morte. Lavorava per l’Ong toscana Cospe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – David Solazzo, un giovane cooperante fiorentino che lavorava a Capo Verde per l’Ong toscana Cospe, è stato trovato senza vita in casa sua, sull’isola di Fogo. A darne l’annuncio sul sito web, la Ong che scrive: “Cospe annuncia con immenso dolore la perdita di David Solazzo, cooperante prima in Angola e poi a Capoverde, amico e professionista serio e appassionato. David si trovava a Capoverde per coordinare per la nostra ONG il progetto Rotas de Fogo, portando avanti azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo. David era arrivato a Fogo nel novembre scorso e da subito aveva messo in campo la sua professionalità, la sua energia e passione al servizio delle comunità locali. Si è trattato di un incidente su cui le autorità locali stanno ancora indagando. Ci stringiamo attorno alla famiglia, alla fidanzata e agli amici, con l’impegno di fare di tutto per appurare la realtà dei fatti, ancora sgomenti per la tragica notizia”.

Solazzo, 31 anni, agronomo, era il coordinatore del progetto Rotas de Fogo, il cui obiettivo era “portare avanti azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo”. Non ci sono ancora dettagli circa la morte del ragazzo, le indagini sono in corso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»