Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, ‘Solidarieta’ che spettacolo’: in scena i ragazzi del centro Osa di via Majorana

Appuntamento venerdì 4 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una storia di accoglienza e solidarietà vedrà protagonisti venerdì 4 maggio gli ospiti del Centro semiresidenziale Osa di via Majorana, a Roma, che alle 10.30 andranno in scena con ‘Solidarietà che spettacolo!’. Il musical, diretto da Franca Muroni, si terrà presso il teatro dell’Istituto di San Giovanni Battista La Salle. Sul palcoscenico alcuni ragazzi del Centro Osa di via Majorana: Anna Lucia, Antonio, Benedetta, Simona, Flavia, Laura, Massimo, Matteo, Melania, Roberto e Vanessa. La trama si ispira alla fiaba di Biancaneve ma contiene forti richiami d’attualità, un’esigenza nata dagli interpreti che insieme alla logopedista Muroni hanno individuato nell’immigrazione un tema importante sui cui riflettere. La sceneggiatura poi si è costruita immaginando l’incontro tra due gruppi, uno formato da giovani italiani e l’altro da stranieri che decidono di dare vita ad uno spettacolo. Il risultato è una sceneggiatura dal linguaggio vivo e contenente un messaggio positivo. Lo scopo è far riflettere ed arricchire lo spettatore una volta tornato a casa.

“Dalle prove generali subito si sono visti i risultati positivi per i ragazzi del centro. Mettere su uno spettacolo e provare giorno dopo giorno ha arricchito tanto gli operatori Osa quanto i nostri assistiti. Uno scambio umano importante che non solo rappresenta un momento ludico ma fa crescere la persona a 360 gradi”, ha dichiarato alla Dire Vincenzo Palmieri, responsabile per Osa del settore Disabilità ex art. 26. “‘Solidarietà, che spettacolo!- ha proseguito Palmieri- nasce dal connubio tra una favola e la realtà che tutti viviamo. Gli stessi assistiti hanno proposto all’equipe del Centro di affrontare il tema dell’immigrazione al fine di combattere tutti i pregiudizi, che un tema come questo troppe volte genera”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»