Di Maio attacca Salvini: “Si è piegato per le poltrone”, ma la Lega apre: “Nuova legge elettorale, poi elezioni”

Di Maio torna a chiedere le elezioni anticipate, apertura da Salvini: "Sì a governo che duri poco per modificare la legge elettorale e tornare subito alle urne"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ” “Per il MoVimento 5 Stelle non è possibile nessun governo del cambiamento con Berlusconi e il centrodestra. Salvini che continua a riproporre questa soluzione, sta prendendo in giro gli italiani“. Lo scrive Luigi Di Maio sul blog delle stelle.

Di Maio ricorda: “Per oltre 50 giorni abbiamo provato a dare a questo Paese un governo del cambiamento e lo abbiamo fatto coerentemente con quanto sostenuto durante tutta la campagna elettorale, senza rinunciare ai nostri valori e alle nostre battaglie, ma con la volontà di provare davvero a far partire un governo del tutto nuovo vincolato da un contratto programmatico. Salvini ha avuto l’occasione di mettersi al lavoro per i cittadini e realizzare finalmente delle soluzioni per i problemi che tutti gli italiani attendono da anni, ma ha preferito Silvio Berlusconi al bene del Paese. Ed è incredibile, considerata l’umiliazione che gli ha inflitto al Quirinale quando Salvini ha fatto il microfono per la ‘voce del padrone'”.

Per Di Maio Savlini “ha scelto di rimanere con l’alleato che fino a poco tempo fa rinnegava, con quello che definiva un ‘condannato’ che stava al governo con il Pd. Salvini ha cambiato idea per prendersi le poltrone e ora è lui a volere a tutti i costi il governo con Berlusconi, uno di quelli che ci ha regalato la legge Fornero. Alla faccia della coerenza. Non resta che tornare subito al voto. Noi non abbiamo alcun problema nel farlo perchè ci sostengono i cittadini con le piccole donazioni. Altri invece si oppongono perchè, tra prestiti e fideiussioni, magari hanno qualche problemino con i soldi. Ma l’Italia non può rimanere bloccata per i guai finanziari di un partito. Al voto”.

SALVINI: OK A GOVERNO DI TUTTI PER LEGGE ELETTORALE

“Se c’è un impegno di tutti a partire da questa legge elettorale ad aggiungere un premo di maggioranza per governare a chi prende un voto in più, io sono a disposizione. Altrimenti i governi di tutti per fare poco e niente non mi piacciano”. Lo dice il segretario della Lega, Matteo Salvini, questa mattina a Genova a margine di una visita a Euroflora.

“Siamo disponibili non a inventarci una nuova legge elettorale– precisa il leader del Carroccio- perché tra due anni saremmo ancora qua a parlarne, ma a prendere l’attuale legge elettorale e a mettere un premio di maggioranza, alla lista o alla coalizione per me non fa differenza, che garantisca di governare a chi prende un voto in più”.

Per questo, sottolinea Salvini, “chiunque dica ‘bisogna cambiare la Costituzione, bisogna cambiare la legge elettorale daccapo’, ha due anni di tempo da perdere. L’unica modifica possibile è prendere questa legge elettorale e aggiungere una riga in cui si dice che chi prende un voto in più ha la maggioranza garantita per governare, tutto il resto è aria fritta”.

E ribadisce: “Se entrano tutti al governo con i grandi propositi di cambiare l’universo mondo, la legge elettorale e la Costituzione daccapo, tra due anni siamo ancora qua. Governi tutti insieme per tirare a campare non mi piacciono: o c’è un governo che fa politica per cinque anni o c’è un governo che dura poco per andare alle elezioni. Non sono fatto per le vie di mezzo”.

LEGGI ANCHE:

Pd, direzione sul filo. Documento dei renziani contro la conta

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»