Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Aborto, ‘Io obietto’: lo spettacolo teatrale per non dimenticare Valentina Milluzzo

L'autrice è Elisabetta Canitano, presidente dell'associazione Vita di donna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un caso di malasanità. Si sono chiuse così le indagini, a fine marzo, sulla morte di Valentina Milluzzo, la giovane donna morta al Cannizzaro di Catania dopo aver abortito due gemelli alla 19esima settimana di gravidanza. Ora 7 dei 12 medici indagati dovranno comparire davanti al giudice delle indagini preliminari con l’accusa di concorso in omicidio colposo.

Valentina morì nell’ottobre del 2016 dopo essere stata ricoverata per 15 giorni nell’ospedale catanese

Una storia che finì sulle cronache nazionali perché secondo la famiglia la causa della morte della giovane era da ricercare nella non volontà di intervento dei medici fino alla presenza del battito dei feti. Quindi, sostanzialmente, a causa dell’obiezione di coscienza del medico di turno. “Ma questo non può essere detto – dice Elisabetta Canitano presidente dell’associazione Vita di donna – la veritá é che abbiamo perso lo stato laico, è più facile dire che la morte di Valentina sia stata causata da errori, da malasanità”. Una verità scomoda, secondo la famiglia, che deve essere taciuta e nascosta, che sta dietro il comportamento errato dei dottori nel valutare lo stato di rischio in cui la ragazza si trovava. Ed è da questa tragedia, dal racconto dei 15 giorni di agonia, che nasce lo spettacolo teatrale “Io Obietto” di cui Elisabetta Canitano è l’autrice. Una piece che ha l’intento di non far calare i riflettori per ricordare che “l’obiezione di coscienza c’entra eccome”.

Uno spettacolo crudo, forte, tanto da essere ‘vietato’ alle donne incinta

Duro come le ultime giornate di Valentina. Secondo la ricostruzione che è stata fatta all’epoca dal papà della ragazza, Salvatore Milluzzo, la 32enne entró in ospedale il 29 settembre per dilatazione dell’utero anticipata. La situazione però precipita il 15 ottobre. Valentina ha la febbre alta e forti dolori lancinanti, ha una sepsi in atto si scoprirá piú avanti, ma i medici parlano di influenza prima, di colica renale poi. Valentina peggiora progressivamente ma, raccontano i familiari, il medico di turno si sarebbe rifiutato di intervenire procurando l’aborto a causa della setticemia perché obiettore: “Finché si percepisce il battito, io non intervengo”, avrebbe detto.

Uno alla volta Valentina espelle i feti, entrambi morti, ma per lei è già troppo tardi

La sepsi è estesa, viene portata in rianimazione ma non c’è più nulla da fare. Muore il 16 ottobre e la famiglia da quel momento non si da pace. Lo spettacolo racconta proprio quei giorni e si snoda su tre livelli: quello della ragazza, della famiglia e dei medici. E l’obiettivo appunto è “non far calare l’attenzione – sottolinea l’autrice – per non perdere di vista il vero motivo che ha portato i medici a non intervenire”. “Anteporre non la vita di un bambino ma il battito cardiaco di un feto destinato a morire alla vita di una donna noi lo consideriamo una violenza -conclude Canitano e non considerare l’obiezione di coscienza nella storia di Valentina non è un dettaglio ma il vero nocciolo della questione”.

Dove e quando andrà in scena lo spettacolo

Lo spettacolo andrà in scena il 19 maggio a Brescia, il 20 maggio alla Casa internazionale delle donne a Roma, il 25 maggio alla Casa dell’Aviatore, nell’ambito del congresso di LAIGA, l’associazione dei ginecologi che applicano la legge 194, il 26 maggio al Teatro del Lido di Ostia.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»