Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie, Gratteri: “A Catanzaro stiamo ottenendo risultati”

ROMA - "Stiamo ottenendo qualche risultato in più, vedo una crescita da parte del mio ufficio che ha competenza su quattro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo ottenendo qualche risultato in più, vedo una crescita da parte del mio ufficio che ha competenza su quattro province della Calabria. Non siamo in pochi, ritengo che il numero dei magistrati della Procura di Catanzaro, come quella di Reggio Calabria, sia sufficiente. Dobbiamo organizzarci meglio, stiamo avendo una polizia giudiziaria di qualità. Non continuiamo a piangerci addosso, dicendo che siamo pochi, dobbiamo lavorare meglio e di più“. Così il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri rispondendo all’agenzia Dire a margine dell’iniziativa del ‘Primo maggio, festa del lavoro, dei diritti e della libertà di stampa’ promossa a Reggio Calabria dal sindacato unitario della stampa italiana e dall’Ordine dei giornalisti.

GRATTERI: “PIÙ POTERI AMMINISTRAZIONE A COMMISSARI COMUNI SCIOLTI”

“I Comuni vengono sciolti per mafia nel 99% dei casi quando la procura, a conclusione delle indagini, invia gli atti alla prefettura e quindi, dopo l’istruttoria, si procede e viene nominato un ufficiale prefettizio. Il problema, in alcuni casi, è che il commissario si reca in Comune poche volte a settimana. Quindi sostanzialmente l’amministrazione viene congelata per due anni. La popolazione mediamente pensa che era meglio quando c’era il sindaco, che riuscita almeno a dare risposte”. Così il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri rispondendo all’agenzia Dire margine dell’iniziativa del ‘Primo maggio, festa del lavoro, dei diritti e della libertà di stampa’ promossa a Reggio Calabria dal sindacato unitario della stampa italiana e dall’Ordine dei giornalisti.

“Occorre modificare la norma, il Commissario prefettizio deve stare al Comune sciolto per mafia sette giorni su sette – ha aggiunto Gratteri – ed avere ampi poteri di amministrare e di annullare tutte le delibere, soprattutto in termini di assunzioni e di apparato burocratico E’ capitato anche di avere la figlia di un capomafia come vigile urbano. Per essere coerenti, seri e credibili per la collettività – ha concluso il procuratore di Catanzaro – occorre azzerare tutto quello fatto dal punto di vista amministrativo e dare potere al Commissario come se fosse il sindaco”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»