Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma-Liverpool, arrivano i tifosi inglesi: mille agenti in campo

Mancano poche ore e sarà Roma-Liverpool. Partita doppia, in campo e fuori.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mancano poche ore e sarà Roma-Liverpool. Partita doppia, in campo e fuori. Se Di Francesco e Klopp si sono messi al lavoro per preparare le rispettive squadre alla semifinale di ritorno, Questura di Roma e Autorità inglesi (insieme ai due club) hanno gettato le basi perché la gara di questa sera non sia anche il secondo tempo degli incidenti avvenuti fuori dall’Anfield Road prima del fischio d’inizio e che hanno visto il tifoso dei Reds, Sean Cox, finire in coma.

Da alcune ore presso gli scali aereoportuali di Ciampino e Fiumicino, stanno atterrando i voli charter, con a bordo i tifosi del Liverpool. Tutte le procedure di ingresso nella capitale dei supporters inglesi sono costantemente monitorate da pattuglie di agenti della Polizia di Stato dispiegate capillarmente su tutto il territorio anche in abiti civili. Già entrata in azione anche la task force messa in campo dalla Questura di Roma per garantire il rispetto dell’ordinanza prefettizia che vieta il consumo di alcol. Nel corso dei controlli in Corso Rinascimento, gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale hanno denunciato un cittadino originario del Bangladesh che, contravvenendo al divieto, ha venduto bottiglie di birra e tequila a tre turisti inglesi.

Nonostante il divieto lunghe file ai camion bar per accaparrarsi una birra fresca. Appena scesi in piazzale delle Canestre, nel cuore di villa Borghese, un gruppo di supporters del Liverpool, nel breve tragitto che li porta verso la terrazza del Pincio, si è fermato per acquistare delle birre nonostante il divieto di vendita di bevande alcoliche contenuto nel dispositivo di sicurezza promulgato dalle forze dell’ordine di Roma.

I tifosi inglesi in tutto saranno circa 5mila, in gran parte sbarcheranno all’aeroporto di Fiumicino ma altri giungeranno “anche a Ciampino- dice la Questura in una nota- e ad aeroporti piu’ distanti come Pisa, Perugia, Milano, Bergamo, Napoli e Firenze, e in treno”.

Ed è possibile che tra loro ci sia anche qualche hooligan: “Le autorita’ inglesi hanno segnalato il possibile arrivo di 30/40 tifosi considerati a rischio– segnala la Questura- Si tratta pero’ di persone non soggette, nel loro paese, a misure restrittive legate al tifo violento in quanto la normativa britannica prevede il ritiro del passaporto ai tifosi sottoposti a daspo”.

Gli uomini impiegati saranno 1000“, ha spiegato a Teleradiostereo Giorgio Luciani, commissario capo della Questura di Roma. “Copriremo la zona dello stadio e il centro città. Non ci sono zone da evitare in questi giorni. I servizi che stiamo predisponendo mirano a fare godere a tutti la città in questi giorni: romani, turisti e tifosi del Liverpool- ha aggiunto- Si potrà girare in città senza problemi. L’unico consiglio che diamo ai tifosi è di andare allo stadio allo stadio mercoledì con il dovuto anticipo”.

Non ci sono particolari preoccupazioni circa possibili “regolamenti di conti” dopo i fatti di Liverpool: “Ad oggi non abbiamo indizi e notizie che ci possano essere delle vendette. Comunque saremo presenti sul territorio. Sono previsti dei servizi specifici da domani nella zona dello stadio e del centro città- ha precisato Luciani- Non ci risulta una possibile alleanza tra hooligans inglesi e ultrà della Lazio. Non abbiamo particolari sentori di una vicinanza tra le due tifoserie”.

Quanto invece alla gestione dei 5mila tifosi inglesi nella giornata di oggi. “Gia’ dai giorni precedenti la Questura, attraverso i colleghi d’oltre Manica, ha fornito alcune indicazioni che sono state veicolate dai media e dalla societa’ sportiva Liverpool- ha spiegato la Questura in una nota- In particolare l’invito e’ quello di privilegiare, per chi arriva in treno, la stazione Termini e, rivolto a chi approfittera’ per visitare la citta’, di socializzare nei bar e nei ristoranti di piazza Campo de’ Fiori e largo Corrado Ricci, al fine di poter godere della Capitale in sicurezza e tranquillita’. A tal fine e’ stata preparata una brochure in lingua inglese che, oltre ad essere gia’ stata veicolata sui social della squadra ospite, verra’ consegnata negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie ad ogni tifoso”.

Per l’arrivo allo stadio “fin dalle ore 15, sara’ operativo il punto di raccolta in piazzale delle Canestre dal quale, a bordo di autobus messi a disposizione dall’Atac, i tifosi del Liverpool verranno accompagnati all’olimpico da aliquote di forza Pubblica. Per chi arrivera’ allo stadio autonomamente, ai tifosi inglesi e’ stata riservata la direttrice nord, ovvero da piazzale Ponte Milvio, mentre i supporters di casa useranno la classica direttrice lungotevere della Vittoria, piazzale Clodio e ponte Duca d’Aosta”.

Gestione dei tifosi inglesi significa soprattutto gestione della vendita degli alcolici, pertanto per domani e per mercoledì “e’ stata emessa un’ordinanza prefettizia che disciplina l’uso delle bevande alcoliche e riguarda, dalle ore 00.00 del primo maggio fino alle ore 07.00 del 3 maggio, l’area del centro storico (che coincide con l’area Ztl centro storico)- si legge ancora nel comunicato della Questura- la stessa ordinanza prevede l’estensione nella zona del concerto per il primo maggio e, successivamente, dalle ore 19 sempre del 1°, anche la zona dello stadio Olimpico. L’ordinanza prevede il divieto di vendita da asporto, il consumo ed il trasporto di bevande in bottiglia e contenitori in vetro. Tale divieto si estende anche ai contenitori in plastica, nell’area dell’evento sportivo, per le bevande alcoliche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»