Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il contro Concertone di Napoli, differenti angolature del Primo Maggio

Le telecamere di Diregiovani nel backstage fra i Terroni Uniti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Band emergenti e nomi acclamati, i No Tap e una rappresentanza sindacale di Alitalia, la comunità palestinese, i movimenti anticamorra e personaggi della cultura e dello spettacolo. Ed ancora, la testimonianza di Paolo Berizzi, giornalista sotto scorta per le ripetute minacce di morte ricevute dagli ambienti neofascisti milanesi a seguito anche del suo libro “Bande nere” sull’estrema destra in Italia. Queste alcune delle realtà che hanno animato con i loro interventi ed a suon di musica il 1 maggio che Napoli ha celebrato a piazza Dante.

Concertone di Napoli, unicità che si fa il collettivo

Sul palco dei Terroni Uniti anche Luigi de Magistris, il sindaco del capoluogo campano, che ha salutato l’evento ricordando che diverrà un appuntamento annuale. Tante voci che dal primo pomeriggio a notte inoltrata hanno ribadito il loro no ad ogni forma di razzismo e di ghettizzazione. Tanti i colori per un arcobaleno di lotta a favore dell’integrazione e della cultura popolare che difende i territori, l’ambiente, una cultura che ha insito il rispetto dell’unicità che si fa il collettivo.

di Carmen Credendino, giornalista professionista

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»