Commercialisti Napoli: “Pronti ad aiutare teatri e associazioni”

"La preoccupazione è che le difficoltà attuali siano solo l'inizio di altri effetti potenzialmente devastanti" dichiara Vincenzo Moretta, presidente dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Gli effetti della pandemia globale si stanno manifestando anche nelle attività di servizi rivolte al pubblico come quelli offerti da teatri, associazioni culturali, fondazioni, circoli ricreativi e sportivi, che sono state congelate dai vari decreti emanati al fine di contenere i contagi. La preoccupazione è che le difficoltà attuali siano solo l’inizio di altri effetti potenzialmente devastanti che bisogna evitare utilizzando gli strumenti che la legge ci mette a disposizione e, nel caso specifico, la Legge n. 3/2012, conosciuta come legge salva suicidi”. Lo afferma Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli. “Siamo pronti ad aiutare chi è in difficoltà in maniera concreta – aggiunge – per evitare che la disperazione possa prendere il sopravvento”.

Per Erika Capobianco, vicepresidente della Commissione di studio Sovraindebitamento dell’Odcec di Napoli, “tutelare il tessuto economico-culturale della città di Napoli è una nostra priorità. La Legge offre la possibilità ai soggetti non fallibili (tra cui imprese minori, aziende agricole e consumatori) di proporre una riduzione e una dilazione di debiti, nel rispetto delle norme a tutela dei creditori, così da favorire il risanamento e la prosecuzione delle attività”.

Secondo Matteo De Lise, consigliere delegato dell’Ordine partenopeo all’articolazione autonoma che gestisce le ADR dell’ente con caratteristica di ente pubblico, “per arginare gli effetti della pandemia da Covid-19 la parola d’ordine è prevenzione. E, come per le malattie del corpo e della mente ci si rivolge a un medico, per le attività economiche in crisi è necessario l’intervento di un dottore commercialista”.
“Medì è dotato di professionisti specializzati e di consolidata esperienza per la soluzione delle conseguenze derivanti dalla crisi da sovraindebitamento.

L’organizzazione – sottolinea Riccardo Izzo, presidente dell’Organismo di mediazione e referente della struttura per la composizione della crisi da sovraindebitamento dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli, accreditato presso il Ministero della Giustizia – è in grado di offrire a chi opera nel territorio della città di Napoli una informativa volta ad illustrare le opportunità derivanti dalle norme, mettendo quindi a disposizione la struttura ed i professionisti per l’individuazione delle possibili soluzioni da adottare per un tempestivo intervento in caso di necessità”. E sulla indicazione dei costi per chi vuole accedere a una prima assistenza, Izzo evidenzia che “in un periodo storico così particolare, dove si registrano difficoltà economico-finanziarie da parte di consumatori e micro imprenditori, abbiamo deciso di offrire un pronto intervento presso lo sportello di Medì, senza alcun onere per il richiedente”. Per farlo basta prenotarsi all’indirizzo di posta elettronica: commissione.occ@odcec.napoli.it.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»