Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zaia: “Ho parlato con Speranza, Veneto arancione da martedì o mercoledì”

speranza_zaia
Il presidente della Regione ricorda però ai cittadini che "più si attenua il colore più la responsabilità tocca a ciascuno di noi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA -“Saremo zona arancione, ne ho parlato con il ministro Speranza“. Lo annuncia il governatore del Veneto Luca Zaia in conferenze stampa. Ora “si tratterà di capire se potremo partire da martedì o mercoledì“.

Ma Zaia avvisa i veneti: “Più si attenua il colore più la responsabilità tocca a ciascuno di noi“. Si tratta di “non andare in mezzo alla confusione”. Distanziamento e igiene delle mani “valgono più di un lockdown”, sottolinea ancora Zaia.

IL 7 APRILE RIAPRONO LE SCUOLE, SUPERIORI IN PRESENZA AL 50%

Le scuole da mercoledì aprono“. Lo conferma il presidente del Veneto Luca Zaia, alla luce del ritorno della regione in zona arancione. Dal 7 aprile riapriranno tutti gli ordini di scuola in Veneto, ad eccezione delle scuole superiori che saranno in presenza al 50%. Questo fino al 30 aprile, quando scade il Dpcm, “poi speriamo di andare a regime”.

Zaia assicura: “Abbiamo la preoccupazione delle scuole”, ma “sappiamo che i ragazzi sono attenti“, sottolinea il presidente, “usano la mascherina”. Inoltre va considerata la “bella stagione, l’aerazione possibile nelle aule la ricreazione fuori”. Per quanto riguarda il monitoraggio, informa ancora Zaia in conferenza stampa, “continuiamo con le scuole sentinella”.

LEGGI ANCHE: Il Veneto sforna i primi avvocati in diritto antidiscriminatorio

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»