Rally Italia Sardegna al via il 3 giugno a Olbia

rally italia sardegna olbia
La gara valida come secondo appuntamento tricolore prevede due diverse prove da ripetere, per un totale di 73,30 chilometri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Campionato italiano rally terra (Cirt) ritorna nel ‘Rally Italia Sardegna’, nello stesso contesto del Fia world rally championship. La gara valida come secondo appuntamento tricolore sarà quindi abbinata a quella del Mondiale rally (Wrc), ma assumerà una conformazione differente in base al regolamento del campionato nazionale.

Il round valevole per il Cirt all’interno del ‘Rally Italia Sardegna’ si svolgerà con un format concentrato nell’arco delle 36 ore. Le ricognizioni inizieranno giovedì 3 giugno e la gara si chiuderà con le premiazioni di venerdì 4 giugno 2021. L’itinerario valevole per il prevede due diverse prove da ripetere per un totale di 73,30 chilometri e gli equipaggi iscritti alla gara del Cirt quindi non potranno prendere parte alla gara del Wrc. La location centrale sarà Olbia, dove verrà organizzato il parco assistenza e si svolgeranno partenza e arrivo. L’accesso contingentato al parco assistenza per la gara nazionale seguirà la normativa ed il protocollo ACI Sport, mentre il parco assistenza del Wrc, come tutte le altre zone, saranno soggette alla normativa della Federazione internazionale.

LEGGI ANCHE: Processo Astori a Firenze, la compagna Francesca Fioretti all’udienza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»