Regione Lombardia, continua l’aventino di Fdi: anche ieri assessori assenti in giunta

Lo strappo dopo il mancato accoglimento di una nomina in quota Fratelli d'Italia nel cda di Ferrovie Nord Milano, mal di pancia anche in Forza Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Continua l’aventino, l’autoesclusione di Fratelli d’Italia dalle riunioni della giunta di Regione Lombardia. Anche ieri, a quanto risulta alla ‘Dire’, i due assessori in quota FdI, Riccardo De Corato e Lara Magoni, hanno disertato nuovamente. Era accaduto la prima volta lunedì, quando De Corato e Magoni avevano lasciato per protesta la riunione per sottolineare il mancato accoglimento di una nomina in quota Fdi nel cda di Fnm (Ferrovie Nord Milano, la società quotata in Borsa a Milano e controllata al 57% dalla Regione Lombardia, al 24% da privati e al 15% circa da Ferrovie dello Stato).

Fratelli d’Italia è stata difatti ‘esclusa’ dalla partita nonostante l’allargamento delle nomine, passate da cinque a sette. Va ricordato che il gruppo Fnm nel 2019 ha prodotto un fatturato pari a circa 300 milioni di euro, con un utile di 30. Un altro mal di pancia in direzione Lega viene da Forza Italia, che contesta l’indicazione in quota azzurra del totiano bergamasco Gianantonio Arnoldi.

LEGGI ANCHE: Lombardia, su nomine Fnm tensione nel centrodestra: dopo Fdi insorge anche Fi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»