VIDEO | Coronavirus, Viola: “Aspettiamo che morti in carcere diventino centinaia”?

La presidente dell'associazione di giuristi Italiastatodidiritto, invita a prendere immediate misure per abbassare il rischio di contagio nelle carceri italiane
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “È arrivato il primo morto per coronavirus nelle carceri, ora cosa aspettiamo, che diventino cinquanta, cento, mille, prima di intervenire?” Simona Viola, presidente dell’associazione di giuristi Italiastatodidiritto, invita a prendere immediate misure per abbassare il rischio di contagio nelle carceri italiane.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, morto in ospedale a Bologna il primo detenuto

“È chiaro che si deve agire con urgenza prima che il virus si diffonda negli istituti di pena. Lo Stato – ricorda Simona Viola- ha la responsabilità di tutelare la salute dei detenuti e del personale. Le misure adottate nel decreto Cura Italia non sono sufficienti a garantire i diritti costituzionali dei detenuti, definitivi o in attesa di giudizio che siano, e non è una differenza da poco, in uno Stato dove la presunzione di innocenza è scolpita nella Costituzione. Per questi ultimi, peraltro, il decreto Cura Italia non prevede alcuna disposizione che tuteli la loro salute, come avrebbe potuto fare, ad esempio, incentivando il ricorso agli arresti domiciliari anche in fase cautelare. È ora che governo e Parlamento agiscano, prima che sia troppo tardi”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il garante dei detenuti del Lazio: “Le carceri non sono attrezzate per l’isolamento in caso di contagio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»