Coronavirus, Maggino: “Raccolti 1,5 milioni, prima tranche presto ai territori”

Lo spiega Filomena Maggino, consigliera di palazzo Chigi e presidente della cabina di regia 'Benessere Italia'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Siamo a quasi 2 milioni di risorse raccolte, nelle prossime ore ci coordineremo con il presidente dell’Anci, l’associazione dei Comuni, per indirizzare una prima trance di questi finanziamenti ai territori”. Lo spiega Filomena Maggino, consigliera di palazzo Chigi e presidente della cabina di regia ‘Benessere Italia’. In una intervista alla ‘Dire’, fa il punto sulla raccolta fondi avviata con Automotoclub Storico Italiano, Anci e Unicef e altri soggetti.

“Siamo in un momento in cui cerchiamo di sostenere delle iniziative di tipo emergenziale- continua- perche’ ci sono arrivate tante richieste e stiamo provvedendo a soddisfarle per quanto possibile, ma cerchiamo anche di non soffermarci solo su questo, perche’ secondo noi questo e’ il momento per riflettere e pianificare degli interventi relativi alla ripresa”. Rispetto alla raccolta di fondi, Maggino riferisce che “sono arrivate soprattuto richieste di mascherine che sono la cosa piu’ necessaria in questo momento”.

Sul ‘dopo emergenza’ la consigliera del governo sottolinea che “questa fase ci fa riflettere su come possiamo trasformare questo momento in una opportunita’, la vera opportunita’ e’ quella di orientare le nostre future scelte in una direzione diversa che sia davvero sostenibile. La vera sostenibilita’ e’ identificare le fragilita’ del territorio, delle persone e delle comunita’ quindi sara’ molto importante identificare i rischi e promuovere le potenzialita’ delle comunita’ e dei territori, utilizzando il principio di equita’”.

Insomma “mettere in sicurezza il paese evita le vulnerabilita’ e promuovere la resilienza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»