Coronavirus, altri 760 morti. Ma la curva resta stabile: i nuovi contagiati sono 2.477

Ecco i dati forniti dalla protezione civile: il numero totale dei decessi è di 13.915, in calo i nuovi positivi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sono 2.477 i nuovi positivi nella giornata di oggi, il totale di persone attualmente contagiate da coronavirus sale quindi a 83.049. Il numero di deceduti è invece di 760, per un totale di 13.915. I guariti sono 18.278, 1.431 in più rispetto a ieri. Questi i dati forniti dalla Protezione civile durante la consueta conferenza stampa sull’evoluzione dell’epidemia di coronavirus in Italia.

ECCO TUTTI I DATI DELLA GIORNATA DI OGGI

Nella giornata di ieri i decessi erano stati 727, per un totale di 13.155 morti. I nuovi positivi, invece, erano 2.937, per un totale di contagiati da coronavirus di 80.572, mentre i ricoverati in terapia intensiva erano 4.035.

Il capo della Protezione civile Angelo Borrelli aggiunge che la maggior parte dei contagiati, “cioe’ il 61%, e’ in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Il numero e’ cresciuto anche in percentuale, quindi si e’ ridotto il numero degli ospedalizzati”.

“Dal 27 marzo- spiega Borrelli- assistiamo ad una riduzione dell’incremento di ricoverati e terapia intensiva, sono dei valori che si stanno stabilizzando. Non so dire quando ci sara’ una decrescita, posso solo dire di mantenere alte le misure e i comportamenti da tenere. Basta un nulla e si possono innescare dei meccanismi repentini di contagio. Per questo preferisco rimanere coi piedi per terra e constatare i dati giorno per giorno”.

L’Italia potra’ entrare a maggio nella fase 2? “Mi auguro vivamente che ci potremo trovare in una situazione migliore rispetto a quella di oggi, ferme restando le cautele che conosciamo. Sono realista- continua- non voglio instillare facile ottimismo. Mi baso sui dati che ho giorno per giorno”.

Polemiche del presidente Fontana? “Con la regione Lombardia lavoriamo molto bene a livello tecnico, mandiamo come in altre regioni dispositivi, attrezzature, medici. Abbiamo inviato in Lombardia la maggior parte di aiuti rispetto alle altre regioni. Su 45milioni di mascherine, il 17% e’ stato inviato in Lombardia”, conclude Borrelli.

LEGGI ANCHE:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»