L’Ue mobilita 100 miliardi contro il coronavirus: “Un ‘piano Marshall’ per tutti i cittadini europei”

La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, presenta 'Sure'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Saranno mobilitati fino a 100 miliardi di euro per realizzare questo fondo”. A dichiararlo Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, che ha presentato il fondo Sure, la proposta Ue a sostegno della cassa integrazione nei Paesi piu’ colpiti dal coronavirus. Potranno farne richiesta, dunque, tutti i 27 paesi Ue che ne avranno bisogno.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Von der Leyen e la svolta dell’Ue: “Cassa integrazione europea, nessuno perderà il lavoro”

“Abbiamo anche eliminato alcune condizioni restrittive per accedere ai fondi europei, dando piena flessibilita’ alle regioni e ai Paesi. Questo permettera’ agli Stati di accedere a tutti i fondi di cui hanno diritto in tempi brevi”.

Ad oggi, ha detto la von der Leyen, “l‘Ue ha mobilitato 2.770 miliardi di euro, la piu’ alta risorsa finanziaria nella storia europea”.

“Per uscire da questa crisi, e per il post-crisi, il quadro finanziario pluriennale 2021-2027 e’ un valido strumento e il piu’ forte che abbiamo a nostra disposizione. Vogliamo disegnarlo in modo tale che diventi parte della nostra ripresa” ha proseguito la presidente.

“Il bilancio europeo e’ la dimostrazione migliore di solidarieta’ e responsabilita’ degli Stati membri. Deve rispecchiare il nostro investimento strategico sul futuro, il nostro Piano Marshall per tutti i cittadini europei“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»