Coronavirus, mancano braccianti? Salvini: “Chi prende il reddito di cittadinanza vada nei campi”

Poi, Salvini attacca il Pd: "Criticano la Lombardia ma sprecano fiato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mancano i braccianti nelle campagne? “Non serve farli venire dall’estero. Prendiamo 200 mila italiani che siano pagati, tutelati, protetti sanitariamente e si puo’ chiedere a una parte delle persone che percepisce da mesi il reddito di cittadinanza di rendersi utile e dare una mano”.

“La collettivita’ italiana ha aiutato queste persone per mesi stando a casa, adesso se la collettivita’ ha bisogno perche’ senza frutta e verdura non si va avanti, questi lavoratori vanno cercati in Italia attingendo anche dal bacino del reddito di cittadinanza“, ha spiegato.

I sindaci di Milano e Bergamo Gori e Sala cosi’ come altri “politici di sinistra criticano tristemente la regione Lombardia“, ma hanno “fiato da perdere: invece di dire grazie ai sanitari e ai muratori che hanno costruito in tempi recod un ospedale, hanno tempo da perdere. Vi chiedete perche’ non ci sono le mascherine? Fate un colpo di telefono ai ministri del Pd”, aggiunge Salvini.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Pd contro Fontana: “La Lombardia ha mostrato al mondo il fallimento della sua sanità”

“Grazie a regione Lombardia sono stati aggiunti mille letti in piu’ in terapia intensiva”, sottolinea. Poi si rivolge al vice segretario del Pd, Andrea Orlando, che ha proposto una riforma “per accentrare la sanita’ a livello centrale”. Se “dobbiamo aspettare lo Stato campa cavallo”, attacca il segretario della Lega.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»