Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Verso Delrio ministro delle Infrastrutture, lui si dice ” a disposizione”

[caption id="attachment_1091" align="alignleft" width="300"] G. Delrio[/caption] "Ci sono 2 presidenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
G. Delrio
G. Delrio

“Ci sono 2 presidenti che grazie a Dio decidono per noi: uno è quello del Consiglio, l’altro della Repubblica. Decidono loro i tempi. Noi siamo sempre a disposizione del Governo e del Paese”. Lo ha detto il sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio a margine di una conferenza stampa all’Istituto per il credito sportivo di Roma a proposito delle voci che lo vorrebbero come nuovo ministro delle Infrastrutture e Trasporti.

A favore di delrio si è anche espresso favorevolmente Pippo Civati, della minosranza del Pd. “Benissimo Delrio alle Infrastrutture- ha detto- ma bisognerà capire se il futuro sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sarà di ‘famiglia’ o se si riuscirà a essere un po’ laici, anche perché questo comincia a essere un problema: un Palazzo Chigi come fortezza, una torre d’avorio tutta renziana. Forse anche su questo tema ci vorrebbe un messaggio più plurale, anche più utile. Non c’è solo il genio e l’estro di Renzi. Ci sono anche altre persone che possono dare un contributo al Paese. Se il successore di Delrio sarà fiorentino sarà una scelta abbastanza chiara”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»