Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amianto, dall’Ue 10 milioni per le bonifiche in Basilicata

“Abbiamo elaborato una proposta di legge regionale sullo smaltimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

amianto“Abbiamo elaborato una proposta di legge regionale sullo smaltimento di piccoli e grandi quantitativi di amianto, oltre ad affrontare la questione dell’amianto naturale”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Ambiente e Territorio della Basilicata, Aldo Berlinguer, in un incontro tenutosi a Potenza con una delegazione dell’associazione Esposti amianto Valbasento, guidata dal presidente Mario Murgia.

“Non siamo fermi- ha detto l’assessore- Il piano regionale sui rifiuti, che comprenderà anche lo smaltimento di amianto, è giunto ad aggiudicazione definitiva e questo ci consentirà di programmare gli interventi da svolgersi sul campo. Interventi di altro genere sono anche quelli previsti nella programmazione europea della Regione Basilicata. Sono infatti 10 i milioni di euro allocati sui fondi Fesr per le bonifiche. Ciò consentirà di disporre dei fondi necessari al ripristino dei luoghi. E’ impressionante il numero delle vittime dell’amianto. Siamo vicini- ha concluso- a chi soffre, ma non basta. La Regione porterà il tema a livello nazionale aderendo alla richiesta dell’associazione di adozione di un atto di indirizzo ministeriale sullo stabilimento Anic/Enichem di Pisticci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»