hamburger menu

Tg Riabilitazione, edizione del 2 marzo 2022

Si parla di medicina dolore, terapie oncologiche e Parkinson

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

MEDICINA DOLORE, AIFI: TRE MEETING PER CONDIVIDERE COMPETENZE

Si è concluso il ciclo di webinar sulla ‘Medicina del dolore’, tre appuntamenti promossi dall’Associazione Italiana di Fisioterapia-AIFI con l’obiettivo di favorire un dialogo formativo tra fisioterapisti ed altri specialisti di settore. Gli appuntamenti hanno avuto come tematiche ‘Dolore e riabilitazione nel low back pain’, ‘Dolore e riabilitazione nella patologia di spalla’ e ‘Dolore e riabilitazione mammaria oncologica’. “Siamo orgogliosi di sottolineare che questo evento è nato dall’iniziativa di due colleghi anestesisti che hanno cercato la collaborazione di AIFI che non si esaurisce nella condivisione delle evidenze scientifiche ma nasce e si orienta ad una urgenza che anche altri professionisti ci rappresentano: costruire interazioni e percorsi multidisciplinari per rispondere ai bisogni dei cittadini. Percorsi in cui la fisioterapia affianchi il lavoro di altri specialisti nei complessi percorsi di diagnosi, cura e riabilitazione in cui il cittadino non deve rimanere solo”, ha detto Donato Lancellotti, segretario nazionale AIFI.

ONCOLOGIA, ASL ROMA 1: RIABILITAZIONE COMBATTE EFFETTI COLLATERALI

“Il Pnrr sarà un’occasione importante per la sanità, in particolare in campo oncologico darà l’opportunità per quell’adeguamento tecnologico che aspettavamo da anni e che sappiamo fondamentale quando si parla di apparecchiature utilizzate nella diagnosi (Tac, Rm, ecografi, Tc-Pet etc…) e nella Radioterapia (Acceleratori Lineari), di tecnologie per i test genomici, di farmaci innovativi”. Così alla Dire la dottoressa Maria Alessandra Mirri, direttore del Dipartimento Oncologico Asl Roma 1. “Tra i mezzi per combattere gli effetti collaterali delle terapie oncologiche, sempre più integrate tra loro, rientrano anche i trattamenti di riabilitazione- prosegue l’esperta- tanto motoria, quanto deglutitoria, fonatoria, psicologica molto difficili da effettuare nelle strutture convenzionate o in ospedale e spesso tutti ‘out of pocket’. Sappiamo che sport, come ad esempio lo yoga, il canottaggio o la ginnastica, migliorano non solo la ripresa fisica e mentale dopo le terapie oncologiche ma migliorano anche la tolleranza alla chemioterapia e alla radioterapia. Tutti supporti che curano la mente, il cuore e l’organismo e che rappresentano davvero una cura nella cura”, conclude Mirri.

RIZZOLI APRE POLO RIABILITATIVO A OSPEDALE ARGENTA

Apre ufficialmente il Polo ortopedico riabilitativo dell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna all’ospedale di Argenta, in provincia di Ferrara. Il progetto, spiega l’Ausl ferrarese, è “nato dalla collaborazione tra Rizzoli e Azienda Usl di Ferrara per creare una rete ortopedica integrata sul territorio e garantire un’assistenza di eccellenza in prossimità del paziente, riducendo così la mobilità sanitaria”. Le unità di Ortopedia, Traumatologia e Riabilitazione ad Argenta “tratteranno patologie di ortopedia generale (chirurgia protesica primaria e dei reimpianti, chirurgia dell’arto superiore, chirurgia artroscopica del ginocchio e della spalla, patologia vertebrale) e assicureranno l’assistenza e la cura ai pazienti traumatizzati”. Anche il direttore generale del Rizzoli, Anselmo Campagna, si dichiara soddisfatto del risultato, affermando che “abbiamo lavorato con grande convinzione alla realizzazione del Polo ortopedico e riabilitativo di Argenta, che mette in pratica l’idea del ‘Rizzoli diffuso'”.

LIMPE: PARKINSONISMI ATIPICI E DISTONIE, RICERCA FONDAMENTALE

La ricerca scientifica è fondamentale per migliorare le terapie delle malattie rare come i Parkinsonismi atipici e le distonie. Questo il monito di Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus e di Accademia Limpe–Dismov che in occasione della Giornata delle malattie rare hanno aperto gratuitamente le porte alle persone affette da queste malattie e ai loro caregiver per offrire informazioni preziose e supporto psicologico. In ogni caso emerge, da numerose evidenze scientifiche, come la fisioterapia sia un’efficace risposta terapeutica nel processo di cura dei pazienti affetti da malattia di Parkinson, complementare all’intervento farmacologico e parte integrante del progetto riabilitativo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-02T11:57:10+02:00