hamburger menu

Di Maio: “Attivata Corte penale internazionale per crimini di guerra russi”

Il ministro degli Esteri: "Non stiamo entrando in guerra, stiamo rispondendo a una richiesta di aiuto fornendo supporto per legittima difesa"

di maio

ROMA -“Ho appena sottoscritto, insieme ad altri Paesi, la procedura di attivazione della Corte penale internazionale, per identificare la sussistenza di eventuali crimini di guerra in Ucraina“. Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

“UCRAINA ULTIMA BARRIERA PER LA NOSTRA SICUREZZA”

“L’unica cosa che deve sapere sempre Putin, è che dietro Zelensky c’è tutto l’Occidente compatto, che lui ha provato a dividere e non c’è riuscito”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervistato a ‘Mattino 5’. Per il capo della Farnesina, “gli ucraini sono l’ultima barriera per la sicurezza dei nostri Paesi. Sostenere loro significa sostenere noi. L’Ucraina è Europa, sono cittadini europei e stanno resistendo all’armata russa”, è “il fronte europeo contro l’esercito russo”.

LEGGI ANCHE: Ucraina, l’esercito russo: “Presa la città di Kherson”. Le immagini di Kharkiv dopo la notte di missili

“SUPPORTO ALL’UCRAINA PER LA LEGITTIMA DIFESA”

Di Maio è tornato sulle decisioni del Governo sul conflitto tra Russia e Ucraina sottolineando che “no, non stiamo entrando in guerra. Noi stiamo stiamo semplicemente” rispondendo a “una richiesta di aiuto fornendo supporto e strumenti per difendersi“. Si tratta “di un Paese invaso da Putin, è legittima difesa. Non stiamo entrando in guerra – ha ribadito il ministro -, stiamo facendo arretrare Putin” che “deve arrivare a un tavolo di pace, ma non ci arriverà con la gentilezza, le sanzioni gli stanno facendo del male. Solo così possiamo farlo arretrare, ma lavoriamo per la pace e per un cessate il fuoco“.

LEGGI ANCHE: Ucraina, da Kharkiv al Donbass è anche allarme cibo e medicine

LA RICERCA DI NUOVE FONTI ENERGETICHE

Sui problemi di forniture energetiche che potrebbero scaturire per l’Europa e per l’Italia in caso di ulteriore inasprimento delle sanzioni verso Mosca, il titolare della Farnesina ha spiegato: “Se qualcuno pensava di ricattarci con il gas ha sbagliato Paese. Perché noi, grazie alla nostra storia, abbiamo una grande opportunità di diversificare le nostre fonti energetiche”. Negli scorsi giorni, Di Maio è stato in visita in Algeria per rinsaldare i legami commerciali: “Con l’Algeria avremo una partnership energetica più forte che ci consentirà di mitigare gli effetti delle sanzioni alla Russia. C’è una grande disponibilità da parte dell’Algeria a sostenerci sia nel breve, che nel medio e lungo termine. Dopo l’Algeria – ha aggiunto Di Maio -, nei prossimi giorni andrò in altri Paesi per nuovi negoziati sugli approvvigionamenti“.

LEGGI ANCHE: L’italiano bloccato in Ucraina: “Qui cielo rosso per le esplosioni, aiutateci”

Il ministro degli Esteri ha anche fatto il punto sulle richieste del presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’Europa e all’Occidente. “Ingresso nella Nato? Finora, l’unica cosa che ho visto in discussione è che ieri il presidente Zelensky ha chiesto l’adesione all’Unione europea – ha affermato Di Maio -. Noi a volte diamo per scontato il fatto di essere cittadini della Ue, ma non solo gli ucraini, ma anche nei Balcani ci sono tanti giovani che sperano di poter diventare un giorno cittadini con il passaporto della Ue. Noi questa ambizione la dobbiamo assecondare, questa prospettiva la dobbiamo creare: è un segnale da dare al popolo ucraino”.

LEGGI ANCHE: Putin come Hitler, quel passaggio di Draghi scritto ma non detto

Intanto, per l’escalation degli scontri a Kiev l’Italia ha deciso di trasferire gli uffici dell’ambasciata dalla capitale a L’viv. “Stavo sentendo l’ambasciatore Zazo, che stanotte ha portato fuori dall’Ucraina 100 nostri connazionali, tra cui 20 minori e circa 10 neonati. Lo ha fatto grazie al suo coraggio – ha detto il ministro degli Esteri -, Zazo è stato uno degli ultimi ambasciatori a lasciare Kiev. Ora sta andando a Leopoli dove ricostituiamo l’ambasciata e ripartiamo per gestire l’emergenza, non lasciamo l’Ucraina“, ha assicurato Di Maio.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-02T19:11:46+02:00