hamburger menu

Il Papa: “Una giornata di preghiera e digiuno per la pace in Ucraina”

Papa Francesco e le parole per il popolo ucraino "che sta soffrendo per i bombardamenti"

“2 marzo, Mercoledì delle Ceneri, Giornata di preghiera e digiuno per la pace in #Ucraina. #PreghiamoInsieme”. Così Papa Francesco su twitter.

LEGGI ANCHE: Ucraina, l’esercito russo: “Presa la città di Kherson”. Le immagini di Kharkiv dopo la notte di missili

Durante l’udienza generale del mercoledì dall’aula Paolo VI, poi, il Pontefice si è rivolto a un frate francescano di origine ucraine, spiegando che i genitori del religioso “si trovano ora in un rifugio vicino Kiev per difendersi dalle bombe”, Papa Francesco ha rivolto quindi a un appello ai fedeli dicendo che “accompagnando questo religioso che sta facendo il suo dovere qui con noi, accompagniamo tutto il popolo che sta soffrendo per i bombardamenti” e “portiamo nel cuore il ricordo del popolo” ucraino.


Il frate ucraino a cui si è rivolto Papa Francesco ha letto un messaggio dei fedeli di lingua polacca. Il Pontefice ha quindi salutato ed espresso la sua gratitudine al popolo polacco, “che per primo ha sostenuto l’Ucraina aprendo i suoi confini e il suo cuore agli ucraini che scappano dalla guerra, offrendo generosamente loro tutto il necessario affinchè possano vivere dignitosamente nonostante la drammaticità della situazione”.

Il Santo Padre ha affermato anche nel corso dell’udienza : “Oggi entriamo nel periodo di Quaresima con una preghiera e un digiuno che sono una supplica per la pace in Ucraina, e ricordando che la pace nel mondo inizia sempre con la nostra conversione personale alla sequela di Cristo”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-02T11:36:23+02:00