No drop no out: a Parma il progetto contro l’abbandono scolastico

L'incontro con il professor Beltrami, vice presidente della federazione medico sportiva italiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PARMA – Si chiama ‘No drop, no out’ il progetto avviato in provincia di Parma per contrastare l’abbandono sportivo, ribadire la fondamentale importanza di una sana alimentazione e di una attività fisica regolare in età giovanile, non solo per mantenere un buono stato di salute fisica e psicologica, ma anche per favorire l’apprendimento ed i buoni risultati scolastici e per mitigare i danni legati alla scarsa socializzazione in questo periodo di pandemia.

Lo ha spiegato il professor Beltrami, vice presidente della federazione medico sportiva italiana, professore a contratto presso l’Università di Parma e docente di medicina dello sport all’Università telematica San Raffaele di Roma, agli studenti dell’istituto alberghiero ‘Magnaghi’ di Salsomaggiore e del liceo sportivo ‘Bertolucci’ di Parma nell’ambito dell’incontro promosso da Upi Emilia-Romagna, con le Province di Parma, Reggio, Modena e Piacenza, in collaborazione con Uisp, Csi, Comuni e Pinco srl.

“Si tratta di un progetto innovativo, coordinato nel parmense dall’Ufficio Programmazione scolastica della Provincia di Parma, che promuove attività sportive senza necessità di strutture e quindi di limitazioni- sottolinea il vice presidente della Provincia di Parma Alessandro Garbasi- Inoltre contribuisce a incentivare la conoscenza di contesti periferici con i loro prodotti locali e attrattività ambientali, culturali e storiche”.

L’incontro ha consentito agli studenti di confrontarsi con il professore sui temi che stanno sviluppando durante il loro percorso e che dovranno restituire nei due eventi in programma ad aprile, nei Comuni di Neviano degli Arduini e Polesine-Zibello, ai coetanei delle scuole secondarie di I grado. In particolare i ragazzi della classe terza del ‘Magnaghi’, nell’ambito della scienze degli alimenti, si sono dedicati allo studio della corretta alimentazione nell’attività sportiva, valutando diversi aspetti ed approcci, mentre la classe quinta del Bertolucci ha affrontato il tema dell’attività motoria vista come un potente mezzo per raggiungere il benessere in diverse fasce d’età correlato alla preparazione al brevetto di personal trainer.

‘No drop no out’ si pone l’obiettivo di riavvicinare i giovani alla pratica sportiva, in particolare attraverso gli sport di strada e contrastare la sedentarietà, sensibilizzando a corretti stili di vita e ad una sana alimentazione dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni. In provincia di Parma le attività del progetto si concluderanno il 15 e 16 aprile nei comuni di Neviano degli Arduini e Polesine-Zibello con due eventi dimostrativi che permetteranno a tutti i giovani iscritti di sperimentare, in sicurezza, gli sport di strada (come lo skateboard) in un apposito circuito allestito e di condividere il lavoro di ricerca dei giovani studenti coinvolti. ‘No drop no out’ rientra nell’ambito di ‘Azione ProvincEgiovani’, il bando promosso dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»