È ufficiale: Bologna in zona rossa dal 4 al 21 marzo

Bologna vuota nettuno piazza coronavirus
Confermate (probabilmente dal 4 marzo) le ulteriori restrizioni chieste a gran voce dal sindaco Merola: scuole chiuse, si uscirà solo per necessità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ora è ufficiale: l’area metropolitana di Bologna sarà zona rossa dal 4 al 21 marzo. Lo ha deciso la Conferenza dei sindaci riunita questo pomeriggio, all’unanimità e in condivisione con la Regione. Il provvedimento sarà adottato domani e prevederà la chiusura anche di nidi e materne, oltre alle “attività commerciali non essenziali”. Ad annunciarlo è il sindaco metropolitano di Bologna, Virginio Merola. “A livello nazionale la soglia critica è considerata a partire da 250 casi ogni 100.000 abitanti- spiega Merola- soglia abbondantemente superata in tutti i nostri Comuni. I dati sull’ultima settimana di febbraio nel territorio dell’Ausl di Bologna, elaborati quindi successivamente alla decisione della zona arancione scura, sono di 400 casi di media ogni 100.000 abitanti, con 13 Comuni sopra i 500 casi e la media del distretto Appennino di 584″. Per questo, continua Merola, “la preoccupazione dei sindaci è molto alta ed è condivisa anche dai primi cittadini delle zone meno colpite del territorio. Per questo occorre intervenire con urgenza”.

Nel provvedimento di chiusura della Regione, specifica Merola, “saranno compresi anche i nidi e le scuole d’infanzia, oltre alle attività commerciali non essenziali”. Al momento non si parla invece dei parchi, ma il sindaco di Bologna ci tiene a rimarcare che “il tema dei comportamenti individuali è più che mai fondamentale. L’appello che facciamo è che le persone escano di casa solo per recarsi al lavoro, per necessità e per motivi di salute e che siano rispettate le norme sanitarie individuali”.

Infine, anche a nome di tutti i sindaci dell’area metropolitana di Bologna, Merola chiede al Governo di “accelerare il piano di vaccinazione in tutti i modi possibili e di prevedere adeguate integrazioni economiche per le attività coinvolte dal provvedimento di zona rossa che adotterà la nostra Regione, così come i congedi parentali anche retroattivi per i genitori”.

LEGGI ANCHE: A Bologna atteso il record di contagi: oggi si sfioreranno 800 casi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»