Salvati due cagnolini sui monti di Udine: erano finiti in un canalone

Cani montagna amici quattrozampe
I due cani di piccola taglia sono stati recuperati illesi dai Vigili del Fuoco, dopo aver passato due giorni in un'area impervia da cui non riuscivano a risalire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Disavventura a lieto fine per due cagnolini, che si erano persi da due giorni ed erano finiti in un canalone, dove rischiavano di morire, impossibilitati a risalire. È successo nella zona montana del Comune di Moggio Udinese, in provincia di Udine. A salvarli, dopo un lungo e complesso intervento, i Vigili del Fuoco, accorsi sul posto.

udine recupero cani area impervia

I proprietari, dopo aver cercato a lungo i due cani, di piccola taglia, hanno chiamato la sala operativa dei pompieri friulani chiedendo un aiuto. Gli animali si erano smarriti tra alcuni borghi disabitati, in un’area impervia. La squadra Saf (Spelo Alpino Fluviale) del comando Vigili del fuoco di Udine, ha raggiunto la zona e ha iniziato le ricerche dei cani, che sono stati individuati, bloccati in fondo a un canalone che termina in un corso d’acqua. Con qualche difficoltà, a causa del tratto particolarmente ripido, sono riusciti a raggiungerli e recuperarli, illesi e spaventati, consegnandoli poi nuovamente ai padroni.

LEGGI ANCHE: Covid, in Friuli Venezia Giulia contagi aumentati del 57% in una settimana

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»