Covid, in Friuli Venezia Giulia contagi aumentati del 57% in una settimana

tampone drive through
Il vicegovernatore Ricciardi annuncia la possibilità di nuove restrizioni anche se la regione al momento si trova in zona gialla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “Anche se la prossima settimana potremmo essere ancora in zona gialla, siamo chiamati a prendere delle decisioni che ci consentano di contenere la diffusione in particolare della variante inglese che sta circolando”. Lo annuncia in una nota il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, oggi a Udine per la firma della convenzione con la Fondazione Progetto autismo Fvg. “Stiamo assistendo a un considerevole aumento dei contagi che in una sola settimana hanno registrato una crescita del 57 per cento“, spiega il vicegovernatore, sottolineando il momento non facile per la situazione pandemica a causa delle nuove varianti del coronavirus.

“Oggi l’Italia intera è sostanzialmente in colore arancione con Friuli Venezia Giulia e Veneto in zona gialla. Inoltre noi siamo vicini a Slovenia e Austria dove l’incidenza del virus è anche elevata”, osserva. E aggiunge: “Il sistema di monitoraggio dovrebbe fotografare il reale andamento della pandemia, che non può essere quello di 15 giorni prima”.

Per quanto riguarda il vaccino, considerato “la vera soluzione”, secondo Riccardi “va superato il problema della disponibilità delle dosi che ancora non sono sufficienti”, ma ne evidenzia l’efficacia. “Noi oggi vediamo che il contagio è sostanzialmente inesistente nelle nostre case di riposo e nel nostro personale sanitario, segno evidente che il vaccino sta funzionando”, conclude.

LEGGI ANCHE: Covid, ipotesi scuole chiuse in zone rosse nel nuovo Dpcm

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»