Turismo, Garavaglia: “Avanti con vaccino, confidiamo in estate come 2020”

massimo garavaglia
"L'importante è poi proseguire nel piano vaccinale in modo che quando si è ripartiti non ci si ferma più", sottolinea il ministro del Turismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SORRENTO – “Bisogna accelerare sui vaccini, questo è un punto chiave, però bisogna essere pragmaticamente ottimisti. Anche l’estate scorsa si è riusciti comunque a fare un po’ di vacanza, chiaramente si è trattato più di turismo nostrano, italiani in Italia. Confidiamo che si possa ripetere quello che è successo l’anno scorso”. Lo ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia intervenendo a margine degli Stati generali del turismo in corso a Sorrento.

“L’importante – ha sottolineato – è poi proseguire nel piano vaccinale in modo che quando si è ripartiti non ci si ferma più”.

VACCINARE OPERATORI E PROGRAMMARE ORA ESTATE

“Dobbiamo guardare avanti pensando già da subito a questa stagione estiva. Occorre mettere tutti nelle condizioni di sapere già quali saranno le regole, in modo che ci si possa organizzare e sfruttare al massimo tutte le possibilità come ce ne sono state l’anno scorso”.

Il turismo è anche il pezzo di economia che riparte prima. L’industria del turismo – ha sottolineato il ministro – va tutelata adesso perché poi, appena ci sono le condizioni, riparte al 100%. C’è una grande voglia di Italia nel mondo e noi dobbiamo essere pronti a intercettarla”.

DISCUSSIONE IN UE SU DOCUMENTO DIGITALE SANITARIO

“Il passaporto vaccinale? Se ne sta discutendo a livello europeo. Senz’altro si andrà su un documento digitale sanitario e poi bisognerà vedere se ci saranno ulteriori sviluppi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»