Covid, ipotesi scuole chiuse in zone rosse nel nuovo Dpcm

La misura riguarderebbe le scuole di ogni ordine e grado e non solo le scuole superiori, sia nelle zone rosse che in quelle ad elevato rischio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ipotesi all’esame del governo in vista della firma al dpcm del 6 marzo, prevede, a quanto apprende l’agenzia Dire, la chiusura delle scuole nelle zone rosse.

È prevista inoltre la facoltà per i governatori di chiudere le scuole qualora i contagi superassero una certa soglia critica segnalata dal Cts. L’ipotesi più accreditata è che la chiusura possa scattare a giudizio delle regioni qualora i contagi fossero superiori al rapporto di 1 ogni 250 abitanti. Perché le regioni possano decidere per le chiusura è necessario che la soglia sia superata con continuità sulla base del rilevamento settimanale.

La modifica alla bozza del dpcm sarà illustrata nel corso di un confronto con gli enti locali.

La misura riguarderebbe sia nelle zone rosse che in quelle ad elevato rischio le scuole di ogni ordine e grado e non solo le scuole superiori. Il dpcm prevede che possa essere disposta la chiusura anche in aree più circoscritte dell’ambito regionale ma che presentano segnali di evidente rischio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»