Covid, Tajani: “Ristori non bastano, servono veri e propri risarcimenti”

"Se bisogna chiudere si chiude, ma dobbiamo impedire che arrivi il lockdown”, ha detto il coordinatore e vicepresidente di Forza Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La politica deve tutelare quelle categorie che non sono in grado di poter lavorare per le chiusure. I ristori non bastano, ma servono veri e propri risarcimenti, anche per preparare la ripartenza dell’attività economica”. Così a Start, su Sky TG24 il coordinatore e vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani.

EVITARE CHE SI ARRIVI AL LOCKDOWN

“Bisogna verificare qual è la crescita del coronavirus nel nostro Paese, siamo di fronte a una terza ondata, serve prudenza, se bisogna chiudere si chiude, ma dobbiamo impedire che arrivi il lockdown”.

SULLA SCUOLA DECIDONO SCIENZIATI, SE CHIUSE TUTELARE LE FAMIGLIE

“Per quanto riguarda le scuole, la scelta dipende dagli scienziati, se dovessero essere chiuse le scuole, soprattutto gli asili, le elementari e le medie, dovrebbe esserci un immediato intervento per permettere i congedi parentali o rinforzare lo smart working. Una tutela della famiglie è fondamentale”.

TRATTARE CON RUSSIA PER AVERE VACCINO SPUTNIK

“Noi insistiamo sul piano vaccini. Abbiamo detto, anche ieri, che l’Unione Europea si muova per parlare non solo con le imprese per acquistare altri vaccini, ieri per fortuna hanno siglato un altro contratto importante, ma anche, se serve, trovare un accordo con i russi per utilizzare lo Sputnik. Si deve fare tutto quello che deve essere fatto per tutelare la salute”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»