VIDEO | Garante Infanzia del Lazio: “Ecco quattro proposte contro la denatalità”

Si chiama 'mamme@work' il piano proposto da Jacopo Marzetti per far fronte al fenomeno del calo delle nascite nel nostro Paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si chiama ‘mamme@work‘ il piano proposto dal Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Lazio, Jacopo Marzetti, per far fronte al fenomeno del calo delle nascite nel nostro Paese. “Bisogna incentivare le donne a lavorare e avere il tempo a disposizione per i loro figli- ha dichiarato il Garante alla Dire- per instaurare un rapporto sempre più sereno tra madre e bambino”. 

Il piano è basato su 4 proposte. La prima prevede l’obbligo da parte del datore di lavoro di garantire il telelavoro, se richiesto dalla neo mamma. La seconda permetterebbe alle libere professioniste di intervenire e presenziare agli appuntamenti tramite smartphone. La terza riguarda la possibilità di poter interagire, sempre via cellulare, con la pubblica amministrazione, per produrre documenti come il codice fiscale. L’ultima proposta è di natura economica e prevede lo stipendio lordo in busta paga per la mamma lavoratrice

Secondo il Garante dell’Infanzia “il piano ‘mamme@work’ è una soluzione pratica e veloce, senza oneri diretti per le finanze pubbliche, per una migliore qualità della vita delle mamme. Per un miglior rapporto genitoriale che permetta migliori prospettive di vita dei bambini. Le proposte- conclude- sono modificabili e contribuiscono al ripristino della natalità perduta negli ultimi anni che hanno reso l’essere genitori un’impresa troppo difficoltosa, con benefici sistemici per le famiglie e per la collettività nazionale nel suo insieme”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»