Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Positivi al Coronavirus moglie, figli e cognata del poliziotto di Pomezia

Sospese le attività didattiche del Liceo Pascal di Pomezia, frequentato da uno dei figli, e le lezioni del Corso di Laurea in Informatica della Università Sapienza, frequentato dall’altro figlio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il poliziotto risultato positivo al test del Coronavirus e attualmente ricoverato all’Istituto Spallanzani di Roma è originario di Pomezia, dove risiede la sua famiglia, e lavora in un commissariato di Spinaceto, nella zona sud della Capitale. Era assente dal lavoro dal 25 febbraio scorso per sintomi influenzali e avrebbe contratto il virus a seguito di una visita ricevuta da un amico proveniente da una delle zone della Lombardia da cui si è diffuso il Coronavirus.

LEGGI ANCHE: Positivo a Pomezia per il Coronavirus, chiude la scuola del figlio

Il nucleo familiare del poliziotto di Pomezia ricoverato allo Spallanzani di Roma con il coronavirus, “composto dalla moglie, due figli ed una cognata, positivi al test, è sottoposto a sorveglianza sanitaria domiciliare da parte della Asl competente. A seguito di ciò, in via precauzionale ed in attesa del completamento dell’indagine epidemiologica, sono state sospese le attività didattiche del Liceo Pascal di Pomezia, frequentato da uno dei figli, e le lezioni del Corso di Laurea in Informatica della Università Sapienza di Roma, canale AL, frequentato dall’altro figlio”. 

Nel Lazio sono arrivati in totale a sette i casi di Coronavirus, tutti riconducibili al focolaio lombardo, ma tre persone sono guarite: si tratta della coppia di nazionalità cinese proveniente da Wuhan, ancora ricoverata allo Spallanzani per terminare il periodo di riabilitazione, e del ricercatore italiano, uscito dall’Istituto. Al momento all’Istituto per le Malattie Infettive sono inoltre ricoverati la donna di Fiumicino risultata positiva al Coronavirus, il marito e un figlio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»