Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Rifiuti, scoperta a Pomigliano d’Arco discarica abusiva di 35mila metri quadri

L'intera area è stata sequestrata per smaltimento illecito di rifiuti, discarica abusiva e combustione illecita di rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono intervenuti su segnalazione dei cittadini di Pomigliano D’Arco, nel napoletano, i carabinieri del comando provinciale di Napoli che, in un terreno di 35mila metri quadri, hanno scoperto una discarica abusiva di rifiuti.

In particolare, i militari della stazione Forestale di Marigliano, coadiuvati dal personale Arpac e Asl Napoli 3, hanno notato che nell’area, delimitata da via Rossellini, da via Mercandante e da via Vittorio De Sica, in località Masseria Chiavettieri, il terreno riportava, in alcuni punti, dei rialzi anomali dal piano stradale di quasi 3 metri. Controllando la zona hanno trovato vari rifiuti miscelati al terreno e derivati dall’attività di costruzione e demolizione, pneumatici fuori uso, imballaggi in plastica, legno, ferro e acciaio, traversine ferroviarie e guaine bituminose. Queste ultime, sottolineano i carabinieri, da ritenersi rifiuti speciali pericolosi.

Sul posto rinvenuti, anche, cumuli di rifiuti già dati alle fiamme. Al termine dell’ispezione l’intera area è stata sequestrata per smaltimento illecito di rifiuti, discarica abusiva e combustione illecita di rifiuti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»