fbpx

Colleferro capitale dello Spazio 2021

La capitale europea dello Spazio nel 2021 sarà italiana. L’onore spetta a Colleferro, ventimila abitanti, 55 chilometri a Sud Est di Roma. E, soprattutto, roccaforte della più importante industria aerospaziale italiana, Avio. Il lanciatore Vega, autentico gioiellino del Made in Italy, nasce qui, tra le altre cose.

LEGGI ANCHE: Vega, tutti i successi del piccolo lanciatore dal cuore italiano

Ma cosa intendiamo per capitale europea? La città prescelta, grazie al lavoro di squadra tra istituzioni e industria, sarà la culla di attività per far conoscere la cultura scientifica e tecnologica del settore aerospaziale. Cittadini, studenti, ricercatori, sono tutti chiamati a raccolta. Nel cuore del progetto, i lanciatori europei che portano satelliti in orbita.

L’idea nasce nel 1998 in Francia, con la fondazione dell’associazione Communauté des Villes Ariane, per promuovere collaborazioni tra sindaci e industriali e informare i cittadini sull’importanza di un accesso indipendente allo Spazio per l’Europa. Una grande rete che attraversa tutto il Continente.

Ora tocca a Colleferro essere al centro dell’attenzione. Ne abbiamo parlato con il sindaco, Pierluigi Sanna.

Nel 2021 “gli eventi annuali della Communauté des Villes Ariane si svolgeranno tutti a Colleferro, tutti i sindaci dell’aerospazio si riuniranno almeno tre volte a Colleferro, su Colleferro si faranno i seminari interculturali e la parte scolastica e di istruzione. Qui ci sarà anche la concentrazione del dialogo tra le varie industrie spaziali, Avio, Airbus e tutte le altre, ci sarà l’attenzione dei governi: un eventuale interministeriale dello Spazio potrebbe essere ospitata qui– spiega-. L’anno di Colleferro presidente è un anno particolarmente importante per l’Italia, che è l’unica nazione, insieme alla Francia, a volare, in Europa; per il Lazio; e poi, soprattutto per Colleferro, industria chiave dello Spazio europeo: si può dire che senza Colleferro non vola l’Europa”.

Non solo lanciatori, peraltro. Avio produce infatti anche il propellente che spinge i lanciatori nello Spazio.

“La nostra è una storia di esplosivisti– racconta il sindaco-, lavoriamo l’esplosivo dal 1912, poi, a un certo punto, abbiamo cominciato a occuparci di Spazio e ad applicare le nostre conoscenze a quel settore specifico”.

I ragazzi di Colleferro hanno già partecipato a scambi culturali con i coetanei europei, arricchendo le loro conoscenze scientifiche e rafforzando l’idea di una cittadinanza europea. L’estate scorsa, poi, Colleferro è stata protagonista di una Summer school totalmente dedicata allo Spazio.

La cittadina alle porte della Capitale gode, naturalmente dell’appoggio dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) e di quella europea (Esa), oltre che della Regione Lazio.

Lunedì 24 febbraio è stato firmato un protocollo che impegna l’amministrazione comunale, la Regione Lazio e Avio a realizzare una serie di attività di formazione e sensibilizzazione sui temi dell’aerospazio, delle tecnologie avanzate, della ricerca, dell’innovazione e della cultura d’impresa, finalizzate anche ad attrarre investimenti sul territorio. A firmare l’accordo il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, il presidente del Consiglio Regionale, Mauro Buschini, e l’amministratore delegato di Avio, Giulio Ranzo, alla presenza, tra gli altri, del sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico, Gian Paolo Manzella, del delegato generale di Communauté des Villes Ariane, Jean-Sebastien Lemay, della consigliera regionale, Eleonora Mattia, e del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia.

L’obiettivo è che la collaborazione e il lavoro fatto sul territori possano farci arrivare dove ancora non siamo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

2 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»